20-09-20 | 00:58

Dipendente di Rossopomodoro spruzza deodorante sui colleghi stranieri

Cronaca di Napoli Dipendente di Rossopomodoro spruzza deodorante sui colleghi stranieri
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus, Santobono: Morta bambina di 8 anni affetta da leucemia

Ospedale Santobono: I medici sono in attesa di fare il tampone per verificare il sospetto contagio da coronavirus per ora non confermato. I familiari...
Francesco Monacohttp://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Il gruppo aziendale proprietario della catena napoletana Rossopomodoro ha fatto sapere che è stata avviata una indagine e che saranno presi tutti i provvedimenti dovuti.

Un dipendente chiede ai colleghi stranieri di alzarsi la maglietta per spruzzare loro il deodorante: “Questo non ce lo avete a casa? E perche’ non lo mettete?”, dice. E’ il contenuto del video diventato virale, dove un cameriere della catena Rossopomodoro nello store della Stazione Centrale di Milano sottopone i colleghi a questo trattamento mentre si fa riprendere; nel frattempo una voce fuori campo osserva: “Disinfestazione”. Il video e’ stato postato su Facebook da un’altra dipendente della pizzeria, il cui nome sul profilo e’ Biancavee Ortill, che lo ha accompagnato con una didascalia: “Guardate cosi’ si trattano le straniere dove lavoro io che vergogna”, scrivendo poi la stessa frase anche in francese.

Il comunicato del gruppo Sebeto

Il gruppo aziendale Sebeto, proprietario della catena napoletana, ha replicato “avviando un’inchiesta interna” e precisando di avere “tra i suoi collaboratori ragazzi e ragazze di diverse etnie e di tutte le regioni d’Italia: non si sono mai verificati in tanti anni di storia del gruppo, problemi di questo genere. Il personale viene assunto indipendentemente dalle proprie origini tant’e’ che nella forza lavoro gia’ attiva in Italia i dipendenti provenienti” da altre nazioni “rappresentano il 35%”.

Attraverso il suo amministratore delegato, Roberto Colombo, si fa sapere inoltre che all’esito dell’indagine “saranno assunti tutti i provvedimenti che risulteranno necessari per preservare l’onorabilita’ dell’azienda”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Tina Cipollari e Gianni Sperti: Il nuovo format è una formula vincente”

Uomini e Donne, news. Tina Cipollari e Gianni Sperti commentano sul magazine ufficiale la scelta di unire il trono classico al trono over nel...

Un Posto al Sole, Mariella Valentini interpreta Barbara Filangieri

Un Posto al Sole, anticipazioni. Il personaggio di Barbara Filangieri sarà interpretato da Mariella Valentini. Il nuovo personaggio è coinvolto con Marina e Fabrizio...

The Spark Creative Hub, riapre l’innovativo spazio polifunzionale di Napoli

The Spark Creative Hub riapre martedì 30 settembre. A piazza Bovio ritornano gli eventi di design, digitale, editoria, musica e formazione.  “The Spark Creative Hub” riaccende...

Ponticelli, 26enne arrestato: nascondeva la droga tra le piante di casa

Napoli, Ponticelli: Nasconde la droga tra le piante di casa in via Carlo Miranda. Pusher 26enne arrestato dai Carabinieri. I carabinieri della stazione di Napoli...

Il Nuovo Teatro Sanità riparte dal Madre e dal Piccolo Bellini

Il “Nuovo Teatro Sanità”, ha presentato “On the road- Tutte le strade portano al teatro” una mini stagione in sinergia con il Museo Madre...