“Miti di Musica” al MANN di Napoli. Programma dei concerti

408

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, promosso dal Mibact, ospita la seconda edizione del ciclo ‘Miti di Musica’. Il concerto è gratuito, ingresso al Museo 2€.

‘Miti di Musica’, continuano gli appuntamenti musicali promossi dall’Associazione Alessandro Scarlatti che per il prossimo giovedì 5 luglio propone giovani cantanti e strumentisti del laboratorio “ScarlattiLab” guidato da Antonio Florio e Dinko Fabris.  Questa importante iniziativa è nata nel 2011 dalla collaborazione tra la Associazione Alessandro Scarlatti e il Conservatorio San Pietro a Majella, ed è rivolto prevalentemente ai giovani cantanti e strumentisti del II° livello dei Conservatori del Sud che, dopo un lungo e impegnativo percorso di formazione musicale, si affacciano alla difficile carriera professionale.

"Miti di Musica" al MANN di Napoli. Programma dei concerti

Questo è l’ottavo anno di attività,  e nel 2011 ha vinto il Premio delle Arti del Ministero per l’Istruzione e la Ricerca per la sezione Musica antica, inoltre è stato anche protagonista per l’autorevole rivista “Amadeus” di un focus intitolato, non a caso, proprio “Napoli dove il barocco è giovane”.

Con un concerto live in download, ha realizzato ben 16 produzioni esclusive con programmi su temi insoliti e con musiche rare o in prima esecuzione moderna coinvolgendo oltre cento musicisti tra studenti del II° livello di Napoli e di altri Conservatori (Bari, Cosenza, Palermo, Verona), compresi docenti interni e prestigiosi tutor.

Il programma della serata ‘Miti di Musica’ del prossimo giovedì è dedicato alla figura di Bernardo Pasquini e conclude un progetto  di esplorazione della Roma dei Cardinali del Seicento. Nato a Pistoia nel 1637, Bernardo Pasquini fu attivo a Roma dove fu organista di S. Maria in Vallicella, di S. Maria Maggiore e «del Senato e del Popolo romano» in S. Maria in Aracoeli. La fama di sommo cembalista, alla cui scuola si formarono numerosi musicisti, ha in qualche misura oscurato quella del compositore.

"Miti di Musica", al via la seconda edizione al Mann di Napoli

Infatti, Pasquini fu uno dei maggiori operisti del suo tempo, componendo circa un’opera l’anno nel ventennio 1672-1692, ed inoltre anche autore di numerosi oratori e di oltre sessanta cantate.

Il concerto propone un’antologia ben rappresentativa delle cantate di Pasquini: le prime tre appartengono al genere della poesia amorosa,  cui fanno seguito due brani di carattere morale, probabilmente destinati a un consesso accademico. Completa il programma una sonata per due violini e basso continuo di Arcangelo Corelli, tratta dall’opera dedicata a Cristina di Svezia.

Alla corte della sovrana, che si era autoesiliata a Roma dopo la conversione al cattolicesimo, Corelli e Pasquini ebbero modo di frequentarsi, collaborando alle musiche eseguite nell’ambito dell’accademia costituita dalla regina svedese. Ancora una volta l’Associazione Scarlatti si fa promotrice di un’iniziativa non solo unica e di rara divulgazione, ma continua ad adoperarsi per favorire lo sviluppo e la diffusione dei talenti giovani che troppo spesso fanno fatica ad emergere, soprattutto in ambito artistico.

"Miti di Musica", al via la seconda edizione al Mann di Napoli

Il concerto è gratuito, ingresso al Museo 2€

PROGRAMMA

Giovedì 5  luglio 2018– Museo Archeologico di Napoli – ore 20.15

  • Il Mito di Roma
  • Cantate per i Cardinali al tempo di Bernardo Pasquini
  • Bernardo Pasquini (1637 – 1710)
  • Su l’arene del Nilo cantata per voce e basso continuo
  • Su le sponde tirrene cantata per voce e basso continuo
  • Lidia e Clori, Non trovo ristoro cantata a due voci e basso continuo
  • Agrippina, amici  cantata per voce e basso continuo
  • Fuggi pur aria per soprano con violini dalla cantata “Sovra un’accesa pira”

Arcangelo Corelli   (1656-1716)

  • Sonata op. 1 n.10 per 2 violini e basso continuo
  • Grave – Allegro – Allegro- Adagio – Allegro

Bernardo Pasquini

  • S’apriro i cieli cantata per soprano, 3 violini e basso continuo

ScalattiLab barocco

  • Angelo Trancone  cembalo
  • Ugo di Giovanni,  tiorba
  • Federica Altomare, Olga Cafiero, Ester Facchini, Giuseppina Perna, soprani
  • Leopoldo Punziano, tenore
  • Roberto Gaudino, basso
  • Marco Piantoni, Giuseppe Guida, Giuseppe Grieco, violini
  • Chiara Mallozzi, violoncello
  • Guido Mandaglio, fagotto

Direzione musicale di Antonio Florio – Direzione artistica di  Antonio Florio e Dinko Fabris

In collaborazione con il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli