19-10-20 | 17:24

Coronavirus, Pepe Reina: “Ho avuto paura, per 25′ mi è mancato l’ossigeno”

Home Sport Coronavirus, Pepe Reina: "Ho avuto paura, per 25' mi è mancato l'ossigeno"
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
23cdab26c88f714dd9afeb2fab1bdf03?s=120&d=mm&r=g
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

L’ex portiere del Napoli, Pepe Reina, ha raccontato i giorni difficili del suo contagio al Covid-19, ricordando anche il suo periodo in azzurro: “E’ la mia dimensione naturale”.

“La compagnia non mi manca, siamo io, mia moglie Yolanda, cinque figli e i due suoceri. La casa e’ grande e la solitudine non vi ha accesso. Pero’ isolato lo sono stato dopo aver accusato i primi sintomi del virus”. In un’intervista a ‘Il Corriere dello Sport’, il portiere dell’Aston Villa Pepe Reina ha raccontato i giorni difficili del suo contagio al Covid-19. “Febbre, tosse secca, un mal di testa che non mi abbandonava mai, quel senso di spossatezza… – ricorda il 37enne estremo difensore spagnolo, ex Napoli e Milan – L’unico spavento quando per venticinque minuti mi e’ mancato l’ossigeno, come se la gola si fosse improvvisamente ristretta e l’aria non riuscisse a passare… I primi sei, otto giorni li ho trascorsi chiuso in una stanza”.

Circa la sua esperienza italiana, Reina ha parole al miele per Napoli: “E’ la mia dimensione naturale. Non avrei potuto fare una scelta migliore, posso assicurare che non mi sono mai divertito tanto a giocare come nei tre anni di Napoli con Sarri. Lo spirito con cui ci allenavamo e giocavamo, e la qualita’ del gioco di quel Napoli: non vedremo mai piu’ una squadra muoversi in quel modo. Sarri riusci’ a portarci al di sopra di limiti e potenzialita’”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Beautiful, anticipazioni puntata 20 ottobre: Flo viene arrestata ma dov’è Thomas?

Anticipazioni Beautiful: la puntata di domani, martedì 20 ottobre, vedrà nuovi colpi di scena nella vicenda che coinvolge Hope, Flo e Thomas Forrester. Le anticipazioni...

Monitoraggio del Covid 19 nelle acque reflue: parte il progetto SARI Campania

SARI Campania per il monitoraggio del Covid 19 nelle acque reflue: convenzione tra Arpa Campania, Centro interuniversitario di previsione e prevenzione dei Grandi RIschi...

Movida a Pompei, apertura oltre l’orario consentito: multa per sette locali

Pompei: sabato scorso la Polizia ha multato sette locali che risultavano aperti oltre l’orario consentito. Sabato scorso gli agenti del Commissariato di Pompei hanno effettuato...

Calcio Napoli, Lorenzo Insigne torna in gruppo

Ottime notizie per il Calcio Napoli dal ritiro di Castelvolturno, dove capitan Insigne è tornato per la prima volta ad allenarsi con i compagni...

Scuole chiuse in Campania, il Tar dà ragione a De Luca

Il Tar dà ragione alla Regione e al governatore Vincenzo De Luca in merito alle scuole chiuse in Campania. Il Tar dà ragione alla Regione...