domenica, Gennaio 29, 2023

Confermato lo sciopero dei benzinai il 25 e 26 gennaio

- Advertisement -

Notizie più lette

Francesco Monaco
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Confermato lo sciopero dei benzinai del 25 e 26 gennaio dopo che le associazioni hanno valutato insoddisfacenti le proposte di modifica del decreto sulla trasparenza dei prezzi dei carburanti.

I gestori degli impianti di carburante confermano lo sciopero dei benzinai previsto per il 25-26 gennaio, stop che sarà ridotto a 48 ore. L’incontro al Mimit dei giorni scorsi “è stato deludente” e “non c’erano le condizioni per revocare lo sciopero”, ha sottolineato il presidente di Figisc, Bruno Bearzi, nel corso di una conferenza stampa con Faib e Fegica. “Lo sciopero è confermato”, ha affermato il presidente di Fegica, Roberto Di Vincenzo. “C’è molto disappunto”, ha aggiunto il presidente di Faib, Giuseppe Sperduto.

Dall’incontro al Mimit con i gestori “non è arrivato alcun elemento che ci potesse spingere a revocare lo sciopero” afferma il presidente di Anisa-Confcommercio, Massimo Terzi, sottolineando che “l’esposizione del cartello è tutto tranne che trasparenza”.

Sperduto, confermando quanto anticipato da Fegica, spiega: “Ci adeguiamo alla richiesta del Garante per gli scioperi e riduciamo da 60 a 48 ore lo sciopero previsto il 25-26 gennaio”. Lo sciopero sarà quindi dalle 19 del 24 gennaio alle 19 del 26 gennaio.

“Sono profondamente deluso perché ci aspettavamo altro per poter venire incontro alle esigenze del ministro Urso che era di revocare lo sciopero ma le condizioni non sono cambiate – ha detto Bearzi – E’ vero che c’è stato uno sforzo per ridurre le sanzioni ma è rimasto l’obbligo del cartello e il messaggio che passerà è che noi siamo una categoria da tenere sotto controllo perché comunque speculiamo”.

Il presidente di Figisc Confcommercio ha sottolineato: “Fino all’ultimo minuto siamo pronti a trovare una quadra se c’è ancora spazio di manovra ma non possiamo revocare lo sciopero” dei gestori previsto per il 25 e il 26 gennaio. I cartelli, ha aggiunto, “creeranno problematiche con gli utenti perché non garantiscono trasparenza ma creeranno confusione”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie