lunedì, Gennaio 24, 2022

Comune di Napoli, più sinergia tra Polizia Locale e Municipalità: l’annuncio dell’assessore De Iesu

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Comune di Napoli: nel corso della commissione Polizia Locale l’assessore alla Polizia Antonio De Iesu ha illustrato le principali linee di azione da mettere in campo: riorganizzazione del Corpo, aumento del numero delle risorse disponibili, maggiore collaborazione con i territori.

Età media elevata, carenze numeriche del personale, scarsa sinergia tra presidenti di Municipalità e responsabili delle unità operative territoriali, limitata operatività degli agenti in servizio, necessità di revisione dei protocolli operativi per garantire una maggiore percezione di sicurezza nei cittadini. Queste le principali criticità della Polizia Locale, secondo l’assessore Antonio De Iesu, che ha illustrato oggi in commissione le linee programmatiche per renderne l’azione più incisiva.

Si partirà con l’individuazione di una sezione operativa per Municipalità, garantendo la sinergia funzionale dei responsabili con i presidenti, per rispondere meglio alle esigenze del territorio. Parallelamente, si lavora all’incremento del numero di agenti, a partire dalle 138 unità assunte a tempo determinato con part time al 50% che, con ulteriori risorse assegnate dal governo centrale, lavoreranno per quattro giorni alla settimana.

Altri nuovi ingressi, per 14 unità, saranno assicurati dallo scorrimento delle graduatorie, sempre con contratto part time, in attesa di renderne possibile la stabilizzazione. Con un’efficace riorganizzazione, che passa anche per l’accorpamento delle unità specializzate e per la riduzione dei distacchi in Procura, sarà possibile subito restituire al territorio ulteriori agenti; va poi garantito, ha concluso l’assessore, l’incasso delle multe, ottimizzando le procedure di notifica e superando la riscossione coatta che allo stato è inadeguata.

Per Alessandra Clemente (Misto) la carenza del personale è il principale vulnus della Polizia Locale. Va poi ripresa, in collaborazione con la Prefettura, l’esperienza dei tavoli di osservazione per la sicurezza urbana in tutte le municipalità, una pratica che si è rivelata virtuosa per accrescere le azioni a tutela dei cittadini nei diversi quartieri della città. La sinergia tra gli organi che lavorano sul territorio è fondamentale per Maria Grazia Vitelli (PD) che ha chiesto maggior attenzione per le verifiche sulle modalità di occupazione di suolo di bar e ristoranti, in particolare nel quartiere Vomero.

Sergio D’Angelo (Napoli Solidale Europa Verde) ha richiamato l’urgenza di potenziare le unità di personale dedicate alle emergenze sociali e ai minori, annunciando battaglia politica per superare il vincolo previsto dal Patto per Napoli di non effettuare ulteriori assunzioni di agenti. Aumentare il personale e potenziare la formazione degli agenti sugli aspetti amministrativi per rendere più efficaci i controlli il suggerimento di Gennaro Esposito (Manfredi Sindaco) ,che ha anche segnalato il mancato raccordo tra lo Sportello Unico Attività Produttive, lo Sportello Edilizia Privata e la polizia locale.

Implementare la presenza degli agenti nelle municipalità periferiche e riorganizzare i tempi della città per ridurre il traffico è la proposta di Massimo Cilenti (Napoli Libera). Pasquale Sannino (Insieme per Napoli Mediterranea Italia) ha salutato con favore il ritorno dei carri attrezzi, un segno di novità che deve rappresentare un punto di partenza per un’azione più incisiva della polizia locale. Centrale, per Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde), il nodo delle risorse per le nuove assunzioni di agenti e per la stabilizzazione di quelli a tempo determinato, una questione che va risolta prima della firma del Patto per Napoli. Per un vero cambio di passo, ha detto Aniello Esposito (PD), è prioritario assicurare la presenza degli agenti nei territori di periferia, come Ponticelli, dove occorrono segni concreti di legalità. Il problema dell’abusivismo nel settore turistico è centrale per Iris Savastano (Forza Italia), che ha proposto una riunione sul tema con la partecipazione dei rappresentanti di categoria.

Tutte le segnalazioni dettagliate su abusi, ricevute da cittadini e consiglieri, ha assicurato il comandante della Polizia Locale, Ciro Esposito, sono seguite da interventi di verifica. Con la riorganizzazione del personale sarà possibile una diversa distribuzione degli agenti sui territori, a partire dalle periferie, alle quali saranno prioritariamente assegnate le unità di personale a tempo determinato confermate in servizio.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie