mercoledì, Dicembre 8, 2021

Cassazione: coltivare cannabis in casa non è un reato

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Cannabis: le Sezioni Unite della Cassazione hanno deliberato che chi la produce per uso domestico non commette un atto illegale. De Magistris: “Da pm mai chiesto processo”.

La Cassazione ha stabilito che la coltivazione di cannabis in casa, in minima quantità e solo per uso personale, non costituirà più reato. Come riporta “Repubblica”, la pronuncia delle sezioni unite penali della Cassazione, il massimo organo della Corte, risale allo scorso 19 dicembre, per quella che rappresenta una prima volta, dato che è stato deliberato che “non costituiscono reato le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica. Attività di coltivazione che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore“.

In tal modo, viene propugnata la tesi per cui il bene giuridico della salute pubblica non viene in alcun modo pregiudicato o messo in pericolo dal singolo che decide di coltivare per sé qualche piantina di marijuana.Cassazione: coltivare cannabis in casa non è un reato In passato, la Corte costituzionale era intervenuta più volte sul tema, sposando una linea rigorosa, e così la giurisprudenza ha assunto una posizione netta. Il principio stabilito era semplice: la coltivazione di cannabis è sempre reato, a prescindere dal numero di piantine e dal principio attivo ritrovato dalle autorità, anche se la coltivazione era per uso personale.

La Cassazione, adattandosi a quanto chiarito dalla Consulta, ha finora sostenuto che la coltivazione di marijuana, anche se per piccolissime dosi (una o due piantine) è sempre reato, a prescindere dallo stato in cui si trovi la pianta al momento dell’arrivo del controllo: ora c’è però stato un ribaltamento per quanto riguarda le “attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica.

Tra i tanti commenti alla sentenza, c’è anche quello del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris: “Finalmente le sezioni unite penali della Cassazione hanno sancito che coltivare cannabis in casa in quantità minime per uso personale non è reato -scrive su Twitter- Da pubblico ministero – ricorda de Magistris – non avevo mai convalidato arresti o chiesto il processo o la condanna per tale condotta”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie