Calcio Napoli: De Laurentiis vuole il rinnovo per Sarri

416
Calcio Napoli, ADL:

In una intervista al Roma, il presidente del Calcio Napoli parla del rinnovo di Sarri e dell’auspicato impiego della VAR anche in Europa.

Interessante intervista al presidente del Calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis durante la presentazione a Roma della “Race for the cure”.

Su Sarri ha dichiarato: “Sarri ha un contratto fino al 2020, il rinnovo gli è stato già proposto. Noi ci siamo incontrati a gennaio in Toscana. Sarri sa perfettamente come io la penso e ha tutta la mia stima. Quindi quando vorrà firmare, anche con eventuali modifiche da lui richieste per le quali siamo sempre democraticamente e razionalmente disponibile al negoziato e alla discussione, noi siamo qua.

Ma mi sembra stolto chi vorrebbe trovare delle soluzioni che possono modificare la psicologica di uno che è concentrato nel preparare una partita contro il Milan e poi una con l’Udinese. Io credo che il problema sia importantissimo ma di secondaria importanza rispetto alle partite. Io comunque sono qui disponibile h24. Se c’è un piano B? Ci sono solo piani ‘A’ non ‘B’. Ogni allenatore ha bisogno di tempo per migliorare – ha concluso – ognuno, anche straniero, ha delle problematiche che si porta dalle precedenti esperienze professionali”.

Calcio Napoli: De Laurentiis vuole il rinnovo per Sarri

Molto incisive anche le sue parole sulla possibilità di vedere in azione il VAR anche durante le competizioni europee.

Il presidente del Calcio Napoli è in linea con le dichiarazioni di Agnelli dopo Real Madrid Juventus: “Io mi sono battuto per la Var in Italia e non capisco per quale motivo non si sia trasferita anche al modello internazionale. Ma immagino che certi poteri forti che esistono ad ogni livello quindi anche nel mondo del calcio, quindi all’interno della Fifa, della Uefa ovunque, possano rimandare rinviare questo sistema tecnologico che può rilevare quello invece si può ancora guidare.

Non sapevo delle parole di Andrea Agnelli ma sono d’accordo con lui, che si è lamentato di Collina.Voglio essere malevole? A me il signor Collina mi ha buttato fuori dalla competizione negli anni precedenti perché evidentemente io sono un uomo libero e amo parlare apertamente. Io non ho cadaveri nell’armadio. Collina è arrivato ad una veneranda età con un carnet professionale importantissimo e immagino possa cadere in questo gioco. Le mi comunque sono delle supposizioni derivate da quanto mi è stato riferito. Però certe situazione arbitrali possono essere telecomandabili”.