lunedì, Giugno 17, 2024

Bonifica di Bagnoli, commissario Nastasi lascia il mandato

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Bagnoli: Salvatore Nastasi ha lasciato il suo incarico di commissario. Il Governo punterà su un nome “di comprovata esperienza nel ministero dell’Ambiente”.

Salvatore Nastasi, commissario per la bonifica di Bagnoli, ha rimesso il suo mandato. Come riporta “Il Mattino”, il manager (voluto nel 2015 dall’allora premier Matteo Renzi per sbloccare la riqualificazione dell’area ex Italsider) aveva capito che il vento era cambiato e, nonostante l’appoggio della Regione Campania e della ministra per il Sud Barbara Lezzi (che è stata di recente nell’area occidentale di Napoli) ha preferito lasciare il suo incarico.

Lunedì scorso lo stesso Nastasi ha inviato alla presidenza del Consiglio e alla ministra Lezzi una lettera di risposta ai precedenti elogi, rimettendo il suo mandato: “La ringrazio sentitamente -scrive l’ormai ex commissario a Barbara Lezzi– per la fiducia accordatami, che considero il più gradito riconoscimento dell’impegno da me profuso negli ultimi tre anni. Debbo comunicarle, mio malgrado, la indisponibilità al conferimento di un nuovo incarico”.Bonifica di Bagnoli, commissario Nastasi lascia il mandato Nastasi è consapevole che sta per aprirsi un nuovo ciclo per la bonifica: “Si sta per aprire -riporta il sito del Corriere del Mezzogiorno- una nuova fase di attività che, superate attraverso l’impegno di questi anni le forti difficoltà iniziali legate ai conflitti tra le amministrazioni, al procedimento penale in corso e al sequestro giudiziario delle aree e, più in generale, all’esigenza di rimettere in moto l’intervento pubblico dopo decenni di ritardi e inefficienze, consentirà di attuare il Programma complessivo ormai largamente condiviso. Anche, e non solo, in ragione di ciò, ritengo questo il momento opportuno per un avvicendamento”.

Su Nastasi, cui si era opposto il sindaco Luigi de Magistris (che ha fatto ricorso, perdendolo, contro il commissariamento), c’era il veto di gran parte del M5S (vicepremier Luigi Di Maio e presidente della Camera Roberto Fico in primis). Già aperta la partita per la successione: non sarà un campano ma il Governo assicura che si sceglierà “un nome di prestigio, di comprovata esperienza nel ministero dell’Ambiente”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie