lunedì, Aprile 22, 2024

Associazione Scarlatti, ospiti Grazia Raimondi e Luigi Piovano

- Advertisement -

Notizie più lette

Carlo Farina
Carlo Farinahttps://www.2anews.it
Carlo Farina - cura la pagina della cultura, arte con particolare attenzione agli eventi del Teatro San Carlo, laureato in Beni culturali, giornalista.

Giovedì 9 febbraio 2023 (ore 20.30) al Teatro Sannazaro la Associazione Alessandro Scarlatti propone un particolare ed interessante incontro con due solisti di eccezione: Grazia Raimondi al violino e Luigi Piovano al violoncello.

Il prossimo concerto in cartellone della Associazione Alessandro Scarlatti, previsto sempre di giovedì, alle 20.30 e al Teatro Sannazaro, ospita due grandi ed eccellenti musicisti. La solista Grazia Raimondi che ha compiuto gli studi con Franco Gulli per il violino e Rostislav Dubinsky per la musica da camera presso l’Indiana University, negli Stati Uniti, dove ha conseguito l’Artist Diploma, e Luigi Piovano che da 26 anni è primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e suona regolarmente in duo con Antonio Pappano, inoltre dal 2000 si è dedicato anche alla direzione d’orchestra con ottimi risultati, infatti il 2022 è stato un anno ricco di impegni come direttore per l’abruzzese Luigi Piovano: a ottobre la direzione di una grande opera come la Tosca al Bellini di Catania.

Poi, l’appuntamento forse più prestigioso, ovvero il debutto a Salisburgo sul podio dell’Orchestra del Mozarteum, il 24 marzo. “Siamo pochissimi – spiega Piovano di questa duplice carriera – Rostropovich, ad esempio, era violoncellista e direttore. Quando suono da solista e dirigo anche l’orchestra è particolarmente difficile, perché sono girato di spalle e devo condurre l’orchestra a lungo senza vederla: mi giro verso di loro nelle parti in cui non è previsto il violoncello. Anche per l’orchestra è una cosa particolare, bisogna entrare in sintonia.” 

Una coppia anche nella vita, nel programma della serata, come in una Suite da un  balletto, i due esecutori avranno spazio per diversi “assolo” prima di riunirsi in duo per alcuni “pas de deux” finali, spaziando da Telemann a Corelli, passando per l’immancabile Bach, per arrivare a Kodaly e Schnittke. Diplomata in violino con il massimo dei voti e la lode a Bologna con G. Adamo, Grazia Raimondi si perfeziona con S. Accardo, C. Romano e M. Raskin. Vincitrice della borsa di studio “J.W. Fulbright” consegue l’Artist Diploma con F. Gulli e R. Dubinsky presso l’Indiana University in USA. Vincitrice del 1° premio all’ “UC Music Awards Hong Kong”, al Sibelius Competition (Indiana USA), alla Rassegna Nazionale di Vittorio Veneto, ha tenuto concerti in prestigiosi teatri e Festival tra i quali: Carnegie Hall di New York, “Newport Music Festival” in USA, Teatro alla Scala di Milano, Concertgebouw di Amsterdam, Proms di Londra, Grossen Musikvereinsaal di Vienna, Philharmonie di Monaco, Teatro Colon di Buenos Aires.

Ha suonato con importanti musicisti come Pappano, Sitkovetsky, Sollima, Piovano. Ha collaborato con “I Solisti Veneti”, “I Virtuosi di Roma” e la “New European Strings Orchestra”. Ha inciso svariati CD tra cui le Stagioni di Vivaldi. È docente di violino presso l’ISSM di Ravenna. Suona un violino Giuseppe Gagliano del 1783. 

Associazione Scarlatti, ospiti Grazia Raimondi e Luigi Piovano
Luigi Piovano – Ritratti ©Musacchio, Ianniello Pasqualini

Luigi Piovano si è diplomato in violoncello e musica da camera sotto la guida di Radu Aldulescu. Per anni è stato primo violoncello del gruppo Concerto Italiano, diretto da Rinaldo Alessandrini. Nel 1999 è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti da camera con artisti del calibro di Sawallisch, Chung, Lonquich, Lucchesini, Sitkovetsky, Kavakos, le sorelle Labeque. Dal 2005 suona regolarmente in duo con Antonio Pappano. 

È del 2020 il CD con le Sonate di Brahms in duo con Antonio Pappano. Da oltre vent’anni è primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. Suona un violoncello Francesco Ruggeri detto “il Per” (Cremona, 1692) messo gentilmente a disposizione da Francesco Micheli. Dal 2012 al 2022 è stato direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia di Taranto. Dal 2013 è alla testa degli Archi di Santa Cecilia con i quali ha pubblicato sei CD.

Biglietti:

platea e palco I° fila € 25;

palco II° € 18;

palco III° fila €12

ridotto giovani (under 30) €12

Prevendita online: www.azzurroservice.it

Infoline

Associazione Alessandro Scarlatti

081 406011

Whatsapp 3426351571

info@associazionescarlatti.it; www.associazionescarlatti.it

Programma

Georg Philipp Telemann (1681 – 1767)

Fantasia n. 9 in si minore per violino solo

Alfred Schnittke (1934 – 1998)

Madrigal in memoriam Oleg Kagan per violino solo

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)

Suite per violoncello solo n. 1 in sol maggiore BWV 1007

Arcangelo Corelli  (1653 – 1713)

Sonata a violino e violone in re minore op. 5 n. 12 La Follia

Zoltán Kodály (1882 – 1967)

Duo per violino e violoncello op. 7

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie