29-10-20 | 21:05

Anniversario canonizzazione San Vincenzo Romano. Eventi e celebrazioni

Home Attualità Anniversario canonizzazione San Vincenzo Romano. Eventi e celebrazioni
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

“Fate bene il bene”: San Vincenzo Romano a due anni dalla canonizzazione. Celebrazioni ed eventi a Torre Del Greco.

Il 14 ottobre 2018, in piazza San Pietro, in Vaticano, di fronte a una folla sterminata di fedeli giunti da ogni parte del mondo, papa Francesco dichiarava santo il parroco torrese, Vincenzo Romano, insieme a Paolo VI, Oscar Romero, Francesco Spinelli, Maria Caterina Kasper, Nazaria di Santa Teresa di Gesù e Nunzio Sulprizio: «Tutti questi santi, in diversi contesti, hanno tradotto con la vita la Parola di oggi, senza tiepidezza, senza calcoli, con l’ardore di rischiare e di lasciare», così il Pontefice nell’omelia di quel giorno.

In occasione del secondo anniversario della canonizzazione di San Vincenzo Romano, la Basilica di Santa Croce in Torre del Greco, nella omonima piazza, dove sono conservate le spoglie del Santo, ha organizzato nei giorni 13, 14 e 15 ottobre, una serie di celebrazioni ed eventi, nel rispetto delle norme anti contagio per l’emergenza sanitaria da Coronavirus. Si inizia martedì 13 ottobre, alle ore 19.00, con la presentazione del libro Admirabili Dei Providentia di Giuseppe Sbarra. Si avrà poi la presenza di padre Corrado Maggioni, sottosegretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramentiche presiederà la Celebrazione Eucaristica del 14 ottobre, alle ore 19.00, durante la quale verrà utilizzato per la prima volta il nuovo formulario della Messa di San Vincenzo Romano approvato dal Vaticano; il 15 ottobre, alle ore 19.00, è prevista la partecipazione straordinaria di padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, che interverrà per la presentazione del volume «Fai vivere e santifichi l’universo» del teologo prof. Giuseppe Falanga; alle ore 20.00 l’Adorazione Eucaristica Dio è amore. Sarà possibile seguire l’intero programma, in diretta, su TVCITY – canale 113 del digitale terrestre e sulla pagina FB della Basilica Pontificia di Santa Croce.

Il Santo, cenni biografici – Nacque a Torre del Greco nel 1751. Durante il suo ministero di parroco, durato 33 anni, si dedicò soprattutto ai suoi concittadini torresi. Era noto con il soprannome di “Prevete faticatore” (il prete lavoratore), per la sua ininterrotta attività a favore dei bisognosi, efficacemente rappresentata dalla consuetudine – definita “sciabica” – di avvicinare con crocifisso e campanello le persone, predicare e poi accompagnarle nella chiesa più vicina. La sua presenza costante sulla strada e tra la gente, inoltre, lo portava a predicare il Vangelo fino a cinque volte al giorno. Fu artefice della ricostruzione della chiesa parrocchiale, distrutta durante l’eruzione del Vesuvio del 15 giugno 1794, che rase al suolo quasi interamente Torre del Greco. Morì nel dicembre 1831 dopo una lunga malattia.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Riapre al pubblico il Museo MeMus del Teatro San Carlo

Il Museo MeMus del Teatro San Carlo riapre al pubblico e la Sala del Teatro si anima dei personaggi dell’opera Adriana Lecouvreur. I recenti e...

Da Psycho a La bambola assassina: ecco alcuni film horror da vedere ad Halloween

Halloween: ecco alcuni film horror adatti alla festa celebrata ogni anno in tutto il mondo nella data del 31 ottobre. Come ormai evidente, sarà un...

Coronavirus in Campania, è record di contagi con lo screening ad Arzano: 3.103 nuovi positivi

Lo screening effettuato nella zona rossa di Arzano ha fatto impennare il numero di nuovi contagi da Coronavirus in Campania. Nelle ultime 24 ore record...

Covid 19: ecco le differenze tra test sierologico, test rapido e tampone

Il Covid 19 e le sue parole chiave: ecco le differenze tra test sierologico, test rapido e tampone. Dall’inizio del 2020, l’emergenza Covid 19 ha...

Aversa, troppi agenti positivi: chiude il commissariato

La Questura di Caserta ha deciso di chiudere il commissariato di Aversa per la sanificazione e di sospendere le attività in attesa del rientro...