domenica, Febbraio 25, 2024

Al Ridotto del Teatro Mercadante “Felicissima jurnata” di Putéca Celidònia

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Da Beckett al Rione Sanità per raccontare l’umanità di un luogo: approda a Napoli al Ridotto del Teatro Mercadante “Felicissima jurnata” di Putéca Celidònia. 

Un lavoro che nasce da un’esperienza ben precisa, vissuta attivamente dal collettivo Putéca Celidònia, a partire dal 2018, all’interno del Rione Sanità di Napoli. Un viaggio attraverso vicoli, case, storie, donne e uomini che abitano il quartiere partenopeo, in un’indagine sulla paralisi emotiva e fisica che queste persone si impongono per mancanza di mezzi.

Dopo il debutto al festival Primavera dei Teatri 2023, torna in scena dal 30 novembre al 10 dicembre al Ridotto del Mercadante di Napoli “Felicissima jurnata” lo spettacolo di Putéca Celidònia, già vincitore del premio della Giuria Popolare condotta da Daniele Aureli Tuttoteatro.com Dante Cappelletti XV edizione e finalista di Forever Young – La Corte Ospitale 2022, prodotto da Cranpi e Teatro di Napoli.

“Felicissima jurnata”, scritto e diretto da Emanuele D’Errico – vincitore del premio L. Visconti 2023 e del Premio Gerardo D’Andrea 2023 per la nuova drammaturgia – e interpretato da Antonella Morea e Dario Rea, cerca di cogliere l’essenza o, forse, l’assenza di vita reale che unisce sul filo della solitudine il basso napoletano e i protagonisti di “Giorni Felici” di Samuel Beckett.

«Nel 2018 abbiamo iniziato a portare il teatro in mezzo ai vicoli bui e abbandonati del Rione Sanità – spiega il collettivo, il cui percorso tra teatro e impegno sociale è stato insignito del Premio Gennaro Vitiello 2023 – e dopo aver preso confidenza con il quartiere, abbiamo avuto la possibilità di entrare in alcuni dei tipici bassi napoletani, trovando al loro interno una situazione surreale.

Così abbiamo deciso di iniziare questo viaggio, portando con noi una macchina da presa e le domande che il testo di “Giorni Felici” ci aveva mosso. Siamo entrati in queste case, ci siamo immersi nelle storie e nei mondi delle persone che le abitano, lasciandoci sorprendere dai loro racconti, così pregni da poterci scrivere romanzi per ognuno di loro».

Il testo è venuto da sé, lo hanno scritto le storie di Assunta, Pasqualotto, Angela e di tutti gli altri abitanti del Rione Sanità. “Felicissima jurnata” è anche la storia di una donna di centonove anni che ancora si trucca, che mette lo smalto e “sente” la gente intorno che suona e che canta. Alcune voci sono infatti direttamente affidate alle donne e agli uomini del Rione Sanità, con le scene di Rosita Vallefuoco, le musiche originali di Tommy Grieco e la cura del suono al Premio Ubu 2019 Hubert Westkemper.

«Nessuno di loro aveva mai sentito nominare Beckett – conclude il collettivo –, eppure ci sembravano così vicini a lui, così familiari. Nel migliore dei casi, molti di loro non sono mai usciti dalla loro città, e nel peggiore non sono mai usciti dal proprio quartiere e chissà da quanto tempo dalla propria casa. Non è prigionia questa? È una prigionia consapevole o inconsapevole? A partire da queste domande, è nata “Felicissima jurnata”». Lo spettacolo è una produzione Cranpi, Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Putéca Celidònia, in collaborazione con La Corte Ospitale – Forever Young 2022, con il sostegno di Teatro Biblioteca Quarticciolo e di C.RE.A.RE Campania Centro di residenze della Regione Campania.

Putéca Celidònia nasce nel settembre 2018 e prende in gestione due beni confiscati alla camorra nel Rione Sanità a Napoli, nel Vicolo della Cultura. Due tipici bassi napoletani che diventano luogo di accoglienza e di restituzione ai cittadini attraverso servizi socio-culturali, tra cui i corsi di teatro, di scenografia e di realizzazione del costume gratuiti.

Putéca attraversa tre percorsi di lavoro intrecciati: Territorio, Formazione e Produzione.

Territorio nel Rione Sanità dove si svolgono le attività e dove nascono i progetti ’A voce d’’o vico (la voce del vicolo), D.A.D. – Dimenticati A Distanza e Segui la voce.

Formazione pone le basi nel Rione Sanità per arrivare poi nell’Istituto penale minorile di Nisida e in numerosi laboratori sul territorio campano dedicati prevalentemente alle minoranze.

Produzione è la sintesi dei primi due percorsi e porta avanti Dall’altra parte|2+2=? e Felicissima jurnata.

L’attività di Putéca Celidònia è sostenuta dal MiC-Ministero della Cultura per il triennio 2022/24, art.41 Promozione teatro coesione e inclusione sociale.

Cranpi viene fondata nel 2015 da Antonino Pirillo e Giorgio Andriani, tutt’oggi alla cura della direzione. Da allora promuove la cultura teatrale e le sue confluenze attraverso la produzione e la curatela progettuale di artisti della nuova scena italiana, come Fabiana Iacozzilli, Andrea Cosentino, Paola Di Mitri, Federica Migliotti, Putéca Celidònia, Greta Tommesani. Dal 2021 è sostenuta dal MiC–Ministero della Cultura. Con uno sguardo attento a temi e linguaggi del contemporaneo, Cranpi dal 2018 ha contribuito alla produzione di 13 spettacoli teatrali, presentati come prime nei più importanti festival italiani. Nel 2019 la loro produzione La classe di Fabiana Iacozzilli riceve il Premio UBU 2019 come miglior progetto sonoro a Hubert Westkemper, il Premio ANCT e il Premio In-Box. Dal 2022 Cranpi è partner di Powered by REF e socia di Associazione Scenario. Dal 2023 è partner di IN-BOX rete di sostegno del teatro emergente italiano.

Da sempre visionari sul ruolo del teatro nella società, Antonino Pirillo e Giorgio Andriani, hanno ideato il festival multidisciplinare Sempre Più Fuori, giunto alla sua III edizione, e curano diversi progetti speciali. Sono co-direttori del Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma.

CREDITI

Felicissima jurnata

uno spettacolo di Putéca Celidònia

Vincitore del premio Giuria Popolare – Dante Cappelletti 2021

Finalista di Forever Young – La Corte Ospitale 2022

drammaturgia e regia Emanuele D’Errico

con Antonella Morea e Dario Rea

e con le voci delle donne e degli uomini del Rione Sanità

scene Rosita Vallefuoco

musiche originali Tommy Grieco

suono Hubert Westkemper

luci Desideria Angeloni

costumi Rosario Martone

aiuto regia Clara Bocchino

realizzazione scene Mauro Rea

scenografa stagista Accademia di Belle Arti di Napoli Rosaria Ruocco

foto di scena Laila Pozzo

ufficio stampa Linee Relations (Valeria Bonacci, Giorgia Simonetta)

produzione Cranpi, Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Putéca Celidònia

in collaborazione con La Corte Ospitale – Forever Young 2022

con il sostegno di Teatro Biblioteca Quarticciolo

e di C.RE.A.RE Campania Centro di residenze della Regione Campania

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie