venerdì, Aprile 19, 2024

#8marzo Ingresso gratuito ai musei per le donne. Ecco dove

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

MERCOLEDÌ 8 MARZO 2017 – Giornata internazionale della donna – ingresso gratuito per le donne nei siti e nei musei statali. Incontri nei musei del Polo a Maddaloni, Teano, Alife, Santa Maria Capua Vetere, Eboli, Sarno, Padula, Napoli

Museo archeologico di Maddaloni – 8 marzo 2017,  ore 9.30

…in piedi Signori, davanti a una Donna!

In occasione della Giornata internazionale della donna, al Museo archeologico di Calatia si svolgerà un incontro, introdotto dal Direttore del Museo dott.ssa Elena Laforgia, con la dott.ssa Daniela Monfreda, psicologa esperta in psicologia giuridica e la dott.ssa Rossana Parente, criminologa. Nel corso dell’incontro, rivolto soprattutto agli adolescenti, verrà raccontata l’esperienza del Centro Antiviolenza Noi Voci di Donne, dell’attività e dell’impegno dedicato alla prevenzione contro la violenza sulle donne e all’ educazione al rispetto.

Noi Voci di Donne – CentroAntiviolenza, lavora in rete con le Istituzioni competenti, secondo il “Protocollo di rete per la tutela delle fasce deboli in tema di maltrattamenti in famiglia,  atti persecutori, violenze sessuali, sfruttamento della prostituzione e dell’immigrazione clandestina”, proposto  e sottoscritto dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e in rete con  il Ministero delle  Pari opportunità, le forze dell’ordine, gli organi istituzionali provinciali e regionali, e altre istituzioni. Noi voci di Donne è impegnata dal 2008 a realizzare interventi per l’attuazione dei principi di parità tra uomini e donne, interventi che mirano a prevenire e ad abbattere ogni forma di violenza nei confronti di donne e bambini. Attraverso i suoi sportelli antiviolenza, attivi 24h su 24,  sostiene e tutela le numerose donne in difficoltà, donne senza diritti, pareri, desideri, pensieri, cercando di costruire un domani diverso e per promuovere e sostenere l’affermazione dell’autonomia e autodeterminazione e garantire la partecipazione femminile alla vita pubblica e uscire dalla spirale della violenza. Il progetto di sostegno e di uscita dalla spirale della violenza è garantito anche grazie alla stretta e costante collaborazione e al lavoro di rete con le Forze dell’ordine, il pronto soccorso, medici, assistenti sociali e numerose associazioni territoriali. All’incontro partecipano le scuole: Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “ Luca Pacioli” di Sant’Anastasia (Napoli) e il Convitto Nazionale “G. Bruno” di Maddaloni (Caserta).

“Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subìto, per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le ali che le avete tarpato, per tutto questo: in piedi Signori, davanti a una Donna!”  William Shakespeare

INFO   0823.200065; pm-cam.maddaloni@beniculturali.it

Museo Archeologico dell’Antica Capua Santa Maria Capua Vetere (Ce)

8 marzo, dalle ore 10 alle ore 13  – Il corredo di un’antica sposa sulla via Appia

Nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione della mostra  “L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” di Paolo Rumiz e compagni,  in corso al Museo archeologico dell’antica Capua fino al 25 marzo, nella Giornata internazionale della donna, verranno proposte visite guidate al femminile per raccontare, attraverso il corredo di una sepoltura di età sannitica rinven8 marzouta lungo l’Appia,  la figura della donna nell’antichità. La tomba a cassa di tufo ha restituito un ricco corredo composto da vasi d’uso quotidiano, oggetti di ornamento personale e di toletta, tra cui una brocchetta in pasta vitrea, pissidi  e piccoli vasetti usati per contenere profumi e cosmetici. Visite  a cure de “Le Nuvole” . La mostra è promossa e finanziata dalla Regione Campania nell’ambito del progetto “Itinerari culturali e religiosi” (fondi POC) attraverso la Scabec società campana beni culturali, realizzata in collaborazione con il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, il Polo museale della Campania ed è a cura della Società Geografica Italiana onlus e Festival della Letteratura di Viaggio.

INFO   0823 844206;  pm-cam.museoanticacapua@beniculturali.it

Museo Archeologico di Alife  – 8 marzo 2017, ore 10 – 13

 Casta, pia, lanifica, domisedaProfili di donne dal Sannio antico

Il Museo archeologico dell’antica Allifae in occasione della Giornata internazionale della donna propone visite guidate alle sue collezioni per raccontare, soprattutto attraverso le raffigurazioni sui vasi, il “profilo” di una storia al femminile tra le popolazioni del Sannio antico.

Casta, pia, lanifica, domiseda: essere fedele, devota, filare la lana e occuparsi della vita domestica, così i Romani più legati alla tradizione volevano la donna.

Tuttavia, a differenza delle donne greche alle quali erano assegnate solo funzioni di riproduzione biologica, le donne romane avevano il compito fondamentale di trasmettere ai figli i valori dei padri in modo da farne buoni cittadini. Tra i Sanniti la donna sembra godere di una libertà ancora maggiore, sia pure in assenza di ogni diritto politico, come ci raccontano le notizie letterarie e, soprattutto, la documentazione archeologica.

Visite guidate ogni ora dalle ore 10 alle ore 13.

INFO   0823844206; pm-cam.alife@beniculturali.it;

Museo archeologico di Teano, Sala del Loggione – Mercoledì 8 marzo, ore 11

Donne sidicine: immagini, voci, storie.

Museo archeologico di Teano, Ritratto femminile in marmo italico (I secolo a.C.)Il Museo archeologico di Teanum Sidicinum, in occasione della Giornata internazionale della donna, propone una conferenza dedicata alle donne dell’antico territorio sidicino e un percorso guidato tra le collezioni museali alla scoperta del lato femminile della storia.Il visitatore potrà conoscere Popluna, la potente dea dei Sidicini, vedere gli ex voto lasciati dalle donne nei santuari locali, ammirare i gioielli d’argento e d’oro che adornavano le donne nel viaggio per l’Oltretomba, incontrare Epidia Lucia, figlia di Minio, Socidia Memmia, figlia di Quinto, le imperatrici Iulia Domna e Cornelia Salonina, e infine osservare il magnifico mosaico dell’Epifania con l’immagine in trono di Maria, regina del Cielo.

Ore 11 – Conferenza del dott. Antonio Salerno, direttore del Museo

Ore 12 – Visita guidata ‘al femminile’ nel Museo con aperitivo

INFO   0823.657302; pm-cam.teano@beniculturali.it

Museo Archeologico di Eboli – 8 marzo, ore 18.30

Storie di donne del passato. Sentimenti e musica, abiti e profumi

Mercoledì 8 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, al Museo Archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele verrà raccontata la figura femminile colta nello svolgersi del tempo e in vari momenti della vita. Si partirà con Note al Femminile a cura di  Gerardina e Annastella Gibboni (pianoforte e violino) seguite da La Malattia dell’Amore,  riflessioni di Rino Mele (presidente Fondazione poesia e storia) attraverso la poesia, e Giovanna Scarano (direttore del Museo) con una lettura di immagini di donne dell’Antichità. Una Principessa vestita di bronzo descriverà Il valore sociale e storico degli abiti, con la ricostruzione grafica dell’ abbigliamento dell’età del Ferro, curata dal pittore Bruno Bambacaro e con alcune realizzazioni degli studenti del  liceo artistico Carlo Levi di Eboli e dell’istituto  Enzo Ferrari  di Battipaglia, collegate al progetto L’Arte da Indossare. Un ulteriore elemento di conoscenza del costume femminile sarà offerta dai  gioielli in terracotta dipinta dell’architetto scultore Italo Cerullo, ispirati agli originali esemplari magno greci di età ellenistica. Un breve percorso attraverso la collezione di contenitori per profumi e unguenti introdurrà al laboratorio olfattivo Sirenae di Paestum, che proporrà  “Profumo di Rosa”, ispirandosi alle famose rose dell’antica città pestana. Faranno da sottofondo all’incontro le Liriche antiche e moderne interpretate dagli allievi del liceo classico E. Perito di Eboli. La serata si concluderà con un momento di condivisione, La Dolcezza di una Storia con i dolci sapori raccontati dalle ‘Amiche buongustaie’ di Eboli.

Per i saluti interverranno il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, e l’assessore Matilde Saja.

INFO    0828 332684; pm-cam.eboli@beniculturali.it;

Museo Archeologico di Sarno – 8 marzo 2017, ore 9-19 

Al femminile. Tesori dalla Valle del Sarno

In occasione della Giornata Internazionale della Donna il percorso di visita del Museo Archeologico nazionale della Valle del Sarno si arricchisce di reperti eccezionali. Saranno esposte raffinate testimonianze del modo femminile dell’antichità, solitamente conservate nei depositi: diademi, collane e scarabei in argento, bronzo, ambra e avorio ma anche specchi e  contenitori per oli profumati.  Verranno inoltre presentati, per occasione, alcuni pregevoli vasi attici su cui sono raffigurati momenti della vita femminile, le operazioni di toilette di una signora e il rituale di passaggio dalla fanciullezza al matrimonio.

INFO   081 941451; pm-cam.sarno@beniculturali.it

Certosa di San Lorenzo, Padula – 8 marzo, ore 9-20 – Immagini femminili in Certosa

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, la Certosa di San Lorenzo partecipa all’iniziativa suggerendo un nuovo itinerario all’interno del monumento. L’attenzione dei visitatori sarà rivolta alle figure femminili che compaiono negli affreschi che decorano la biglietteria, nella  Chiesa e nella serie di stupendi stucchi  presenti in numerosi ambienti.

Sarà anche l’occasione per visitare la cella n.9 dove l’artista Betty Bee ha realizzato, per la manifestazione di arte contemporanea “Le opere e i giorni”, la rutilante installazione dal titolo Omertà.

 INFO   Tel: 0975 77745; pm-cam.padula.storico@beniculturali.it

Museo Duca di Martina -Villa Floridiana – 8 marzo, ore 10- 12- 17

 “Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia: una questione ‘femminile’

In occasione della Giornata internazionale della donna, il Museo Duca di Martina propone delle visite di approfondimento dedicate alla vita di Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia. Nel corso degli incontri si racconteranno le complesse vicende della sua esistenza, i suoi due matrimoni, il rapporto che ebbe con i figli nati dalle prime nozze e dell’abilità con cui riuscì a conquistare anche l’affetto dei figli di Ferdinando IV di Borbone, suo secondo marito. Le visite sono a cura di Luisa Ambrosio, in collaborazione con gli Assistenti del Servizio Educativo.

INFO   pm-cam.martina@beniculturali.it

Museo Pignatelli – 8 marzo, ore 11 e ore 16 – La vita di una principessa

In occasione della Giornata internazionale della donna, il Museo Pignatelli propone due visite di approfondimento dedicate alla vita della principessa Rosina Pignatelli, ultima residente nella raffinata Villa, rara testimonianza di casa museo. La visita dei saloni di rappresentanza, al piano terra, consente diMuseo Pignatelli-Studiolo della principessa capire e quasi rivivere l’atmosfera, la suggestione dell’epoca e l’uso cui erano destinati gli ambienti: nel Salotto azzurro la principessa accoglieva gli invitati, nel Salottino pompeiano  le nobili ospiti nelle serate danzanti si intrattenevano per risistemare le proprie acconciature e nella Biblioteca, unica stanza in cui solo agli uomini era concesso fumare, veniva servito il caffè. Al primo piano si trovano gli ambienti privati della famiglia: il bagno del principe con  la bellissima vasca di marmo di Carrara decorata con lo stemma, lo Studiolo della principessa e il suo boudoir, dove Rosina Pignatelli , negli ultimi anni della sua vita, era solita ascoltare con pochissimi amici i dischi da lei collezionati.

Le visite sono a cura degli assistenti tecnici musealii

INFO   081 669675; pm-cam.pignatelli@beniculturali.it

Castel Sant’Elmo – Museo Novecento a Napoli – 8 marzo, ore 11.30 – Donne del Novecento

In occasione della Giornata internazionale della donna, a Castel Sant’Elmo e nel Museo Novecento a Napoli verrà proposta una visita dedicata alle artiste e alle modelle nelle collezioni del museo.

Il Museo Novecento a Napoli  è stato realizzato con l’ intento di dare una visione il più possibile completa e rigorosa di quanto, nel corso di quasi un secolo, è accaduto nella cultura cittadina attenta alle grandi spinte di rinnovamento e al convulso succedersi di movimenti e poetiche caratteristico dell’arte dell’ultimo secolo. La collezione del museo è formata sia da opere di proprietà pubblica sia da donazioni degli artisti o degli eredi, e di prestiti a lungo termine ‘in comodato’ da parte di collezionisti. Inoltre, nelle collezioni entrano far parte, dal 2011, anche le opere vincitrici del concorso internazionale per giovani artisti “Un’opera per il Castello”.

Prenotazione consigliata: pm-cam.santelmo@beniculturali.it

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie