Napoli, pannelli solari istallati in città non allacciati alla rete elettrica

755
Napoli, pannelli solari istallati in città non allacciati alla rete elettrica

Pannelli solari funzionanti costruiti sugli edifici pubblici e non allacciati alla rete elettrica, sprechi denunciati dal WWF.

Napoli, pannelli solari istallati in città non allacciati alla rete elettrica

Il WWF denuncia il mancato utilizzo di 26 impianti di pannelli solari costruiti a Napoli ma mai allacciati alla rete elettrica. Il Wwf ha chiesto all’amministrazione comunale una relazione sul funzionamento del fotovoltaico: si tratta di 12 impianti installati da Abc, l’azienda che gestisce l’acqua in città, 11 impianti posti sui tetti delle scuole e finanziati dal Miur con fondi Pon e degli impianti installati al Mercato della Canzanella, sulla piscina Scandone e sulla sede della municipalità San Giovanni a Teduccio. Per un costo complessivo di 4 milioni di euro.

Il WWF dichiara che gli impianti non sono altro che “dei soprammobili sui tetti degli edifici “.

Napoli, pannelli solari istallati in città non allacciati alla rete elettrica

Ornella Capezzuto, presidente del WWF Napoli dichiara: “Da giugno 2017 abbiamo chiesto all’amministrazione comunale una stima sull’effettivo funzionamento degli impianti fotovoltaici in città. Nella risposta del Comune si evince che i pochi dati forniti si limitano a delle stime, mentre per la maggior parte degli impianti non hanno informazioni o ammettono che non  sono allacciati alla rete elettrica, finendo per diventare quello che temevamo, cioè dei soprammobili sui tetti degli edifici”.

Addirittura gli 11 impianti relativi alle scuole napoletane non hanno mai prodotto energia elettrica. Costruiti con i fondi europei 2007-13, il comune conferma che “in quanto non allacciati alla rete non hanno prodotto energia tra 2014, 2015 e 2016”.

Ecco l’elenco completo delle scuole in cui sono presenti i pannelli solari

Terzo Circolo Didattico De Amicis, in via Santa Teresa a Chiaia; Istituto Comprensivo Aganoor Marconi nelle due sedi di Traversa dell’Abbondanza e  via Ramaglia; Istituto Comprensivo Russo Montale di via Santa Maria della Catena alle Fontanelle; 58mo Circolo Didattico Kennedy di via Monte Rosa; Istituto Comprensivo San Gaetano-Tasso di via Moscati; 41mo Circolo Didattico Fornari Bagnoli in via Diomende Carafa; 53mo Circolo Didattico Neghelli di piazza Neghelli; Istituto Comprensivo Della Valle in via Salita del Casale; Istituto Comprensivo Vittorino da Feltre di via Sorrento. Capezzuto continua chiudendo: “Il mancato funzionamento degli impianti è un spreco di risorse pubbliche e un’opportunità persa nel ridurre le emissioni inquinanti nella città di Napoli.

Parliamo di sprechi reali a partire dai circa 4 milioni di euro di origine pubblica  nazionale, regionale ed anche una parte comunale investiti per acquistarli e installarli, fino alla mancata produzione di energia elettrica che consentirebbe di ridurre i costi in bolletta del Comune di Napoli di circa 1 milione di euro.

I costi di bolletta sono significativi ma, ricordo, nessuno li controlla vista l’assenza del soggetto preposto cioè l’energy manager, figura obbligatoria per legge per un ente energivoro come l’amministrazione napoletana. C’è poi da sottolineare che quegli impianti erano stati realizzati per ridurre le emissioni inquinanti da energie fossili, stimate almeno in 3,5 tonnellate di anidride carbonica evitabile.

Il Wwf ha atteso, inutilmente, più di un anno per avere risposte e perché gli uffici si attivassero per mettere in funzione gli impianti ed avere elementi concreti della loro produzione di energia pulita.

Il tempo passa e riceviamo solo rassicurazioni e promesse con il rischio concreto che questi impianti non gestiti o gestiti male siano non più recuperabili.

Nostro malgrado ci rivolgeremo alle Autorità competenti e alla Corte dei Conti per verificare  inadempienze e l’esistenza di sprechi di risorse pubbliche, che se confermati farebbero della vicenda degli impianti FV del comune di Napoli un vero scandalo che non è più possibile tacere”.