Il racket dei parcheggiatori abusivi: in 8 espulsi dalla Campania

291
Napoli, controlli a tappeto a Pasqua: multe per parcheggiatori abusivi

Almeno 27 sono state le estorsioni accertate dai carabinieri e che hanno portato al divieto di dimora in Campania per 8 parcheggiatori abusivi arrestati a Napoli.

Dopo indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli i Carabinieri della Compagnia Napoli Centro hanno notificato la misura cautelare del divieto di dimora in Campania emessa dal GIP di Napoli a 8 soggetti gravemente indiziati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di estorsioni nell’ambito dell’attività di parcheggiatore svolta abusivamente nella zona del centro storico del capoluogo campano.
L’indagine, coordinata dalla Procura di Napoli, aveva preso il via dalla denuncia di una donna che giunta col proprio veicolo su via Sedile di Porto era stata avvicinata da uno degli indagati che con la minaccia di danneggiarle l’auto aveva tentato di farsi consegnare del denaro.

Le attività investigative sono state effettuate anche con l’installazione di un sistema di videosorveglianza su via Sedile di Porto.

Una unica cassa dove far confluire tutte le entrate

In sintesi è stata accertata l’esistenza di una vera e propria associazione che attraverso l’occupazione e l’interdizione con bidoni dell’immondizia, sedie e auto delle aree di sosta ANM garantiva agli indagati un controllo capillare di quella parte del centro città.
Questi poi imponevano agli utenti della strada il pagamento di somme di denaro variabili a seconda della durata della sosta e degli eventi in corso nelle vie limitrofe.
Gli indagati avevano organizzato la loro attività con veri e propri turni studiati per massimizzare i profitti. Gestivano il denaro singolarmente estorto alle vittime facendolo entrare in un’unica cassa.

Presidiavano in modo assiduo e continuativo via Sedile di Porto. Taluni sono risultati essere dediti abitualmente e da molti anni a delitti della stessa indole.

Identificati tutti i soggetti compartecipi all’associazione e ricondotti agli stessi 27 estorsioni grazie alle dichiarazioni delle vittime che, escusse a sommarie informazioni dai militari dell’Arma, hanno descritto le modalità vessatorie e intimidatorie con le quali operavano i parcheggiatori abusivi e il clima di assoggettamento che integra le fattispecie di reato contestate e accertate, riferendo, altresì, il sentimento di impotenza derivante dalle pretese estorsive e dalla gestione criminale del territorio.