Esplode serbatoio Gpl in una villetta a Giugliano: due feriti, uno gravissimo

198
Esplode serbatoio Gpl in una villetta a Giugliano: due feriti, uno gravissimo

L’esplosione a Giugliano è stata causata da una perdita di gas che ha saturato l’abitazione ed è stata innescata dall’accensione di una sigaretta.

E’ stata “completamente sventrata” la villetta nella quale, ieri pomeriggio in via Torre Magna, in località Lago Patria a Giugliano in Campania (Napoli), si è verificata un’esplosione che ha seriamente danneggiato anche la villa adiacente. Lo fa sapere il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello, che in relazione ai danni riportati dalla villa adiacente spiega che “sarà necessario collocare in albergo due famiglie”. L’esplosione è stata causata da una perdita di gas che ha saturato l’abitazione ed è stata innescata dall’accensione di una sigaretta. Al momento dell’esplosione all’interno della casa si trovavano due persone, madre e figlio. Illesa la madre, mentre il giovane è ricoverato in condizioni gravissime nel Centro ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Ferito anche un vicino di casa, colpito dal crollo del muro divisorio tra le due abitazioni, ricoverato all’ospedale San Giuliano di Giugliano.

E le due famiglie sfollate, proprio in virtù dei danni, sono state collocate nell’albergo “Orchidea” di via Staffetta, a Giugliano in Campania (Napoli). Sul posto, a coordinare gli interventi di competenza comunale, l’assessore alla Fascia Costiera, Carla Rimoli e il consigliere Giuseppe Di Girolamo. “Stiamo cercando di ridurre al minimo i disagi per le due famiglie. Abbiamo avuto l’immediata collaborazione dell’albergo Orchidea, non distante dalle due abitazioni – fa sapere Rimoli – e ci stiamo tenendo costantemente in contatto con i medici per conoscere le condizioni di salute dei due feriti”. “Vicinanza” alle famiglie dei feriti e’ espressa anche dal sindaco Poziello, che ha seguito l’evolversi della situazione. “Ci auguriamo – commenta – che le condizioni dei due feriti, in particolare quelle di Guido, migliorino al piu’ presto”.

Le condizioni di uno dei due feriti sono gravissime

Purtroppo, però, la direzione sanitaria dell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli rende noto che le condizioni del paziente ricoverato presso il Centro Grandi Ustionati sono gravissime. Il giovane e’ comunque sveglio e cosciente ma presenta ustioni profonde, prevalentemente di terzo grado, estese al 70 per cento della superficie corporea. Al momento e’ sottoposto a trattamento con antidolorifici e supporto delle funzioni vitali.