20-10-20 | 22:11

Ultime Calcio Napoli: VAR il protocollo e l’umiliazione

Home Sport Ultime Calcio Napoli: VAR il protocollo e l’umiliazione
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
784f600db01bb8bfa51ce5e9cf455fc8?s=120&d=mm&r=g
Gianmarco Giuglianohttps://www.2anews.it
Gianmarco Giugliano, cura la pagina dello sport calcio di 2ANews, laureato in Giurisprudenza, scrittore.

In molti hanno notato un uso del VAR differente tra le prime giornate di campionato e le ultime. Dalle lamentele della Juventus alle scelte degli arbitri di soprassedere, questo strumento è stato umiliato a tutto danno della sportività e del Calcio Napoli.

Nel corso della trasmissione radiofonica di Radio CRC si è parlato delle decisioni arbitrali avendo il supporto telefonico di Nicchi. Ecco le sue dichiarazioni:

Rizzoli e Rosetti non parlano più del VAR

“Sta andando molto bene, è uno strumento importante che porta benefici ma è migliorabile perché c’è da pochi mesi. I risultati ci vengono riconosciuti da tutto il mondo ed andrà avanti. Ci prendono come esempio a livello europeo”.

Ultimamente non interviene su episodi clamorosi e netti per il protocollo?

“Noi abbiamo l’obbligo di seguire il protocollo che è rigido e complicato. A fine stagione probabilmente verrà aggiustato. Si dovrà migliorare, ma quelli che vengono spesso classificati come errori non sono tali ed il VAR non può intervenire. In tanti casi però è stato di grande supporto”.

E’ sfuggito qualche episodio?

“A noi non sfugge niente, tutte le gare vengono riviste e ci sono le relazioni e vengono mandate ad un centro studi di una università svizzera per analizzare tutto e capire l’interpretazione giusta del protocollo. Si migliora, compresi gli operatori, perché gli arbitri decidono, è vero, ma lo fanno in base alle immagini che gli vengono proposte.

Trattenuta evidente su Mertes a Cagliari?

“Dell’episodio singolo non ne parlo, lo esaminerà chi di dovere”.

VAR ai mondiali. FIFA e Uefa la pensano diversamente.

“L’Uefa ha Europa League e Champions, ma se un paese non ha il VAR non puoi in due giorni andare lì e fare la strumentazione. E’ questa la differenza”.

Tra le risposte spicca quella del “protocollo rigido e complicato”. Peccato che ad inizio campionato non sembrava così. Gli arbitri, nel dubbio, ricorrevano allo strumento televisivo senza fidarsi troppo delle loro “impressioni” sul campo. È questo che è cambiato: ora si è tornati a dare fiducia alle valutazioni arbitrali e, dato che il protocollo dice chiaramente che è l’arbitro a dover chiedere l’aiuto del VAR o ascoltare il suggerimento dell’addetto, si è scelto la via “umana” invece di quella tecnologica. Ci hanno messo un po’ a capire dove c’era la possibilità di umiliare la tecnologia ma, alla fine, ce l’hanno fatta.

Nessuna decisioni fuori dalle regole per il fallo di mani di Bernardeschi; nessuna regola infranta per il rigore non dato alla Fiorentina, nessuno scandalo per il rigore non dato alla Lazio (tutti episodi favorevoli alla Juventus con il risultato in bilico e sfavorevoli al Calcio Napoli) o sul rigore non dato al Benevento contro l’Inter. Meglio difendere i più forti, quelli che comandano, quelli che possono “aiutarti” a far carriera o a farti diventare internazionale col loro peso politico. E la giustizia? Chi se ne frega… tanto siamo in Italia, Paese delle idee e soprattutto di chi è bravissimo a trovare i cavilli per eludere le regole.

Nulla di irregolare, ripeto, tutto secondo il “protocollo”. Così Nicchi afferma che a fine stagione “probabilmente verrà aggiustato”.

Nel frattempo hanno “aggiustato” il campionato umiliando uno strumento che poteva riportare, alla serie A, un pizzico di dignità e credibilità.

Complimenti davvero, w l’Italia.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Covid 19, positivo il comico Simone Schettino: rinviato lo spettacolo al Troisi

Simone Schettino positivo al Covid 19: il suo spettacolo al teatro Troisi (originariamente in programma il 24-25 ottobre) è stato spostato al 14-15 novembre....

Coronavirus in Campania, i dati del 19 ottobre: 1312 nuovi positivi

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 19 ottobre dell'unità di Crisi regionale riporta 1.312 nuovi positivi su 10.205 tamponi effettuati. Anche oggi superati i...

Un posto al sole: alcuni personaggi “storici” lasceranno la soap di Rai 3?

Un posto al sole: dopo l’addio di Carmen Scivittaro (Teresa), anche altri personaggi di spicco potrebbero uscire dalla trama della soap “made in Napoli”. In...

Covid 19 in Campania: Striscia la notizia documenta i ritardi per i tamponi (VIDEO)

Covid 19 in Campania: Luca Abete (inviato del Tg satirico di Canale 5) ha raccolto le testimonianze di alcune famiglie a casa in attesa...

Da lunedì 26 ottobre riaprono le scuole elementari in Campania

Presupposto necessario per la riapertura delle scuole elementari in Campania sarà la garanzia delle condizioni sanitarie dei singoli istituti. "C'è stata una prima riunione poco...