25-10-20 | 14:52

Ucciso davanti scuola a San Giovanni a Teduccio, 7 ergastoli: i nomi

Home Cronaca di Napoli Ucciso davanti scuola a San Giovanni a Teduccio, 7 ergastoli: i nomi
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
23cdab26c88f714dd9afeb2fab1bdf03?s=120&d=mm&r=g
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Sono 7 le persone condannate al carcere a vita, tutte considerate appartenenti al clan D’Amico, per l’omicidio di Luigi Mignano avvenuto davanti a una scuola di San Giovanni a Teduccio il 9 aprile 2019.

Sette ergastoli e una condanna a 14 anni di reclusione: si è chiuso così il processo, con rito abbreviato, sull’omicidio di Luigi Mignano avvenuto il 9 aprile del 2019 dinanzi ad una scuola per l’infanzia di San Giovanni a Teduccio, quartiere alla periferia est di Napoli. Le condanne riguardano esponenti del clan D’Amico (gruppo dei Mazzarella) che con quel delitto vollero colpire i rivali Rinaldi: Mignano era il cognato del ras, detenuto, Ciro Rinaldi, detto ‘mauè’.

Carcere a vita per il ras Umberto Luongo (braccio destro di Umberto D’Amico e promosso a referente del clan nel comune di San Giorgio a Cremano), Ciro Rosario Terracciano, Salvatore Autiero, Pasquale Ariosto, Gennaro Improta, Giovanni Salomone e Giovanni Musella.

Inflitti, invece, 14 anni al boss Umberto D’Amico al quale sono state riconosciute le attenuanti previste per i collaboratori di giustizia. Mignano fu ucciso mentre stava accompagnando in auto a scuola il nipotino di 3 anni: i killer sapevano che c’era anche il bambino, ciononostante continuarono a sparare.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Pensioni anticipate a novembre: il calendario dell’INPS

Anche a novembre pensioni anticipate per garantire a tutti di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento...

Meteo Campania, ciclone islandese in arrivo con freddo e temporali

Meteo Campania: all'inizio della prossima settimana, un ciclone freddo in discesa direttamente dal Nord Europa, colpirà l'Italia da nord a sud. Era stato anticipato nei...

De Luca: “No lockdown. Per scuole didattica a distanza al 100%”

De Luca: "Approvazione di una misura immediata che consenta la stipula di contratti con le strutture private accreditate per l'incremento di posti letto". "Il 60...

Federica Pellegrini smentisce la notizia di un suo ritiro

Federica Pellegrini, positiva al Covid, nelle sue dichiarazioni aveva espresso tutta la sua amarezza in vista delle prossime Olimpiadi di Tokio. “Se non ci sono...

Gevi Napoli Basket, positivi al Covid tre giocatori della prima squadra

La GeVi Napoli Basket ha informato della situazione la Lega Pallacanestro in vista dei prossimi e ravvicinati impegni ufficiali della squadra nella Supercoppa Centenario...