30-11-20 | 03:19

Torre Annunziata, usura ed estorsione: sequestrati beni per 250mila euro

Home Cronaca di Napoli Torre Annunziata, usura ed estorsione: sequestrati beni per 250mila euro
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Torre Annunziata: Guardia di Finanza sequestra beni per un valore di 250.000 euro nei confronti di Salvatore Perfetto (attualmente detenuto e indagato per usura ed estorsione).

I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno provveduto ad eseguire un decreto di sequestro patrimoniale, per un valore di circa 250mila euro, nei confronti di Salvatore Perfetto, residente nel comune di Torre del Greco e già tratto in arresto lo scorso 19 febbraio per i reati di usura ed estorsione.

Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata all’esito di una complessa indagine svolta, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, dai finanzieri della Compagnia di Torre del Greco, prendendo le mosse da accertamenti investigativi sviluppati su alcune operazioni economiche anomale e del tutto sproporzionate rispetto alle capacità reddituali del menzionato soggetto.

Sulla base delle risultanze raccolte nel corso delle attività d’indagine, era già risultato un grave e circostanziato quadro indiziario, a dimostrazione dell’abitualità dell’attività illecita posta in essere dall’indagato, il quale, anche in concorso con una sodale, aveva prestato, nel tempo, ingenti somme di denaro a diversi soggetti e imprenditori della zona corallina, richiedendo il pagamento di interessi mensili pari al 20% del capitale prestato (per un complessivo interesse annuale pari al 120%).

In particolare, le vittime venivano costrette, anche con il ricorso a vere e proprie percosse, alla retribuzione mensile degli interessi fino a quando queste ultime non sarebbero state in grado di restituire in un’unica tranche l’intero ammontare del prestito elargito, con il rischio, quindi, di non porre mai fine al soffocante rapporto di soggezione con i propri aguzzini.

Gli accertamenti patrimoniali delegati dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata hanno consentito alla Guardia di Finanza di Torre del Greco di ricostruire l’intero patrimonio finanziario, mobiliare ed immobiliare dell’indagato. In specie, veniva accertata una sproporzione fra la capacità reddituale del medesimo (e del rispettivo nucleo familiare) e le effettive disponibilità patrimoniali e finanziarie nella sua concreta disponibilità.

Le Fiamme Gialle, pertanto, hanno sottoposto a misura ablativa i beni riconducibili a Perfetto, sequestrando un appartamento con box ubicato in Torre del Greco ed un appartamento in Castelnuovo Cilento, due autovetture ed un motociclo nonché un orologio da polso di pregio (marca Rolex), per un valore complessivo di circa euro 250mila euro, costituenti il frutto o il reimpiego dei reati commessi ed accertati.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Corso Umberto: scippa la borsa ad una donna, arrestato

I poliziotti, mentre raggiungevano il posto,  hanno visto in via Marvasi una donna che stava rincorrendo un giovane e, dopo averlo inseguito, lo hanno...

Un poker con la maglia di Diego: il Calcio Napoli annienta la Roma 4-0

Insigne realizza il primo gol su punizione, Fabian Ruiz, nella ripresa raddoppia. Poi Mertens e Politano chiudono una partita dominata dagli azzurri Il posticipo serale...

 Napoli: festa abusiva in hotel al corso Umberto. Multe per 19 persone

Nell’area comune della struttura, adibita a discoteca, vi erano diversi giovani intenti a ballare, tutti assembrati e privi della mascherina. Ieri sera gli agenti del...

Miano: sorpresi in una sala scommesse aperta. Chiuso il locale per 5 giorni

Miano: sorpresi in una sala scommesse aperta. Sono stati multati i clienti e il gestore. Il locale resterà chiuso per 5 giorni. Ieri sera gli...

Avellino, non si ferma all’alt dei carabinieri e si schianta contro due auto

Cronaca di Avellino: Non si ferma all'alt dei carabinieri e nella fuga si schianta contro due auto in sosta. L'automobilista è stato arrestato.  È accaduto...