18-09-20 | 09:53

Terra dei Fuochi, processo Resit: nominati nuovi periti

Cronaca di Caserta Terra dei Fuochi, processo Resit: nominati nuovi periti
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Coronavirus, Santobono: Morta bambina di 8 anni affetta da leucemia

Ospedale Santobono: I medici sono in attesa di fare il tampone per verificare il sospetto contagio da coronavirus per ora non confermato. I familiari...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Cronaca di Caserta. Processo Resit: Arrivano i nuovi periti nomitati nel giudizio di secondo grado sul disastri ambientale della discarica di Parete.

Avranno quasi 90 giorni di tempo i tre nuovi periti di torino per stabilire se alla Resit c’è stato inquinamento delle acque e se l’acqua è stata contaminata dalla discarica o da agenti esterni ad essa. Sono questi infatti i quesiti che nell’udienza di oggi il presidente della Corte di Assise d’Appello, Domenico Zeuli, nell’ambito del processo «madre» sulla questione della Terra dei Fuochi: il processo Resit. Arrivano i nuovi periti nomitati nel giudizio di secondo grado sul disastri ambientale della discarica di Parete: l’ingegnere ambientale Silvia Bonapersona, il chimico Cesare Rampi e il geologo ambientale Stefano Davide Murgese. Entro marzo i tecnici dovranno consegnare le loro relazioni ed essere ascoltati in aula. La Procura Generale si è riservata di nominare suoi consulenti. La priorità è stabilire se presso le discariche e gli invasi riconducibili alle società Setri, Cimevi e poi Resit, c’erano idonei presidi a tutela delle matrici ambientali previste dalla diverse normative, come per esempio un’adeguata rete di drenaggio e raccolta del biogas e del percolato.
In seguito a questa prima perizia i periti dovranno dire se c’è stato un danno all’ambiente, di quale entità, e se le sostanze inquinanti già esistenti nella falda acquifera sottostante ai siti possono ritenersi potenzialmente idonee a nuocere gravemente alla salute.
Su quest’ultimo punto, i tre consulenti, in caso di positività, dovranno stabilire se le sostanze possono dirsi o meno provenienti dai rifiuti sversati e se l’eventuale riscontrato danno ambientale o l’eventuale riscontrato avvelenamento delle acque siano ancora in corso.
In quest’ultimo caso, stabilire poi se abbiano un andamento progressivo nel tempo e di quale entità. Vista la complessità degli accertamenti, i consulenti hanno chiesto 90 giorni per la consegna della perizia per poi essere ascoltati in aula il prossimo 1 marzo. In pratica, i tre consulenti piemontesi potrebbero mettere un punto definitivo sul disastro ambientale, oppure ribaltare la storia.
Caserta news, il processo di primo grado alla V sezione della Corte d’Assise di Napoli, presieduta da Adriana Pangia, con 29 persone imputate accusate di disastro ambientale e traffico illecito di rifiuti, con l’ombra della camorra, in particolare il clan dei Casalesi che sulla gestione dei rifiuti aveva avviato un business milionario, si è concluso nel luglio 2016, dopo sei anni e oltre 180 udienze, con la condanna, tra gli altri, a 20 anni di carcere per Cipriano Chianese, proprietario della Resit ritenuto l’inventore delle ecomafie; a 16 anni Gaetano Cerci, altro imprenditore ritenuto legato ai Casalesi e coinvolto negli scarichi abusivi alla discarica Resit; 5 anni e 6 mesi con interdizione dei pubblici uffici, invece per Giulio Facchi, in quegli anni sub-commissario all’emergenza rifiuti in Campania; 12 anni per Alfano Remo e Mosè di Meo e 5 e 6 anni per i fratelli Generoso, Raffaele e Elio Roma. Per tutti cadde l’aggravante del metodo mafioso. Durante il processo per le misure di prevenzione nel tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Cipriano Chianese aveva portato in aula i video in cui si vedevano le fasi principale dell’installazione dei rivestimenti del terreno per ospitare i rifiuti nella Resit. Ma a nulla è valso a evitare per lui la condanna a 20 anni di carcere.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Summer Concert 2020, itinerari musicali in Terra di Lavoro

In programma per il 20 settembre 2020 il concerto "PER-DUO" con PAOLA VOLPE & LILIANA BERNARDI a Casanova di Carinola (CE), presso il  Convento...

Guida stasera in tv venerdì 18 settembre: “Casper” su Sky Family

Ecco la guida dei film in onda sui principali canali in prima serata venerdì 18 settembre. Scopri cosa sarà trasmesso in anticipo stasera in...

Una raccolta di poesie per il primo libro della cantante lirica Maria Pia Garofalo

Il 27 settembre, sarà presentato ad Agropoli la raccolta di poesie "Sogno" della cantante lirica Maria Pia Garofalo. Dopo il recente successo nella chiesa di...

Comune di Napoli: annullale le multe ZTL emesse nelle zone pedonalizzate

L’amministrazione comunale ha deciso di annullare tutte le multe emesse nelle zone in cui nelle scorse settimane si è passati da ztl a pedonalizzazione. Luigi...

Le Sirene di Ulisse: Davide Tizzano direttore tecnico dell’iniziativa

Le Sirene di Ulisse: l’olimpionico Davide Tizzano direttore tecnico della seconda edizione dell’iniziativa il 18-19 settembre vedrà protagoniste le donne operate di tumore al...