30-10-20 | 04:41

Scarichi illegali, sequestrato un opificio a Striano

Home Cronaca di Napoli Scarichi illegali, sequestrato un opificio a Striano
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
23cdab26c88f714dd9afeb2fab1bdf03?s=120&d=mm&r=g
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

La scoperta delle violazioni durante i controlli dei carabinieri in un opificio a Striano, in provincia di Napoli.

A Striano (Napoli) i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale partenopeo hanno sequestrato un opificio. L’azienda oggetto del controllo si occupa del trattamento di zincatura con un impianto composto da vasche ad azione galvanica all’interno delle quali avviene la fase di lavaggio degli oggetti e dei materiali trattati, che era collegata a una tubazione direttamente in un bacino fuori terra.

E’ stata accertato che le acque anziché essere trattate per essere riutilizzate nell’impianto di filtrazione presente, attraverso vari pozzetti intermedi, confluivano in una vasca imhoff ubicata all’esterno dell’impianto e successivamente nella pubblica fognatura.

L’attività, inoltre, presentava un deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi (residui di vernici o sverniciatori) in parte su area scoperta non pavimentata. Accertata inoltre la trasudazione sul suolo proveniente dall’impianto di trattamento metalli (bagni galvanici). L’impianto di abbattimento delle emissioni in atmosfera risultava non conforme al titolo autorizzativo.

Sono state riscontrate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, per mancanza di uscite di sicurezza in caso di emergenza, presenza di pareti con infiltrazioni di muffe tali da non assicurare la necessaria igienicità per la salute dei lavoratori.

L’opificio e i rifiuti speciali pericolosi sono stati sequestrati. Stessa sorte per lo scarico non autorizzato immesso nella pubblica fognatura con recapito finale nel fiume Sarno.

Dal controllo è quindi emerso un sistema parallelo di gestione delle attività svolto in spregio a tutte le normative in materia ambientale, sanitaria e fiscale.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Real Sociedad – Napoli 0-1: a Gattuso basta Politano

Real Sociedad - Napoli, 0-1. Il Napoli trova la prima vittoria in questa edizione dell'Europa League grazie al gol di Politano. Il Napoli batte la...

Riapre al pubblico il Museo MeMus del Teatro San Carlo

Il Museo MeMus del Teatro San Carlo riapre al pubblico e la Sala del Teatro si anima dei personaggi dell’opera Adriana Lecouvreur. I recenti e...

Da Psycho a La bambola assassina: ecco alcuni film horror da vedere ad Halloween

Halloween: ecco alcuni film horror adatti alla festa celebrata ogni anno in tutto il mondo nella data del 31 ottobre. Come ormai evidente, sarà un...

Coronavirus in Campania, è record di contagi con lo screening ad Arzano: 3.103 nuovi positivi

Lo screening effettuato nella zona rossa di Arzano ha fatto impennare il numero di nuovi contagi da Coronavirus in Campania. Nelle ultime 24 ore record...

Covid 19: ecco le differenze tra test sierologico, test rapido e tampone

Il Covid 19 e le sue parole chiave: ecco le differenze tra test sierologico, test rapido e tampone. Dall’inizio del 2020, l’emergenza Covid 19 ha...