Coronavirus, lo studio per sapere se ci sarà una seconda ondata in Italia

511
Coronavirus, lo studio per sapere se ci sarà una seconda ondata in Italia

Secondo una analisi del Guardian e dell’Università di Oxford, dieci Paesi stanno registrando un nuovo aumento dei casi e rischiano una seconda ondata di epidemia.

Seconda ondata Covid | Fra i 45 Paesi maggiormente colpiti dall’epidemia (vale a dire con più di 25mila contagi di covid), 21 hanno allentato le misure di distanziamento. Fra questi, dieci stanno registrando un nuovo aumento dei casi (rispetto alla settimana scorsa) e rischiano una seconda ondata di epidemia, emerge da una analisi del Guardian e dell’Università di Oxford. Fra questi Paesi, ci sono gli Stati Uniti, l’Iran, Arabia saudita, la Germania e la Svizzera, ma non l’Italia.

Un Paese viene considerato come “rilassato” se il suo indice di rigore sul distanziamento è sotto quota 70, su una scala di 100 messa a punto dai ricercatori della Blavatnik School of Government dell’Università di Oxford tenendo conto di diversi fattori. Il tasso di riproduzione dei contagi in Germania per esempio è arrivato nei giorni scorsi a 2,88 mentre l’indice di rigore scendeva da 73, dell’inizio di maggio, a 50.

Undici Paesi invece, fra cui Spagna e Italia, hanno rilassato le misure di distanziamento, il loro indice di rigore è inferiore a 70, ma continuano a registrare un calo dei casi. Non possono sentirsi al sicuro da una seconda ondata, ma la situazione è migliore. Dei paesi più colpiti dalla pandemia, sette sono ancora sotto lockdown, con indice di rigore compreso fra 70 e 80, e continuano a riportare un aumento dei casi. Fra questi vi sono il Brasile, dove malgrado la retorica negazionista del Presidente Bolsonaro i diversi stati mantengono attive le norme sull’isolamento, e l’India. Ma la situazione più grave è quella dei nove paesi che si trovano ancora nella prima fase dell’epidemia, con misure stringenti e casi in drastico aumento, fra cui Bolivia, Argentina e Colombia.