giovedì, Aprile 18, 2024

Ospedale Vecchio Pellegrini: pronto soccorso già riaperto dopo la devastazione

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Ospedale Vecchio Pellegrini: subito tornato operativo il pronto soccorso, devastato nella notte tra sabato e domenica dai parenti del 15enne ucciso da un Carabiniere fuori servizio durante un tentativo di rapina.

Riaperto il pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, devastato nella notte tra sabato e domenica dai parenti del 15enne Ugo Russo, il ragazzino ucciso nei pressi del Lungomare da un Carabiniere fuori servizio durante un tentativo di rapina.

Una ripresa a tempo di record per il pronto soccorso del nosocomio partenopeo, la cui devastazione aveva anche costretto il personale sanitario a provvedere al trasferimento di alcuni pazienti.

Verdoliva: “C’è stata una guerra tra Stato e anti-Stato. Mi aspetto conseguenze durissime”

In diretta a ‘Barba&Capelli’, trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio CRC, è intervenuto Ciro Verdoliva, direttore dell’Asl Napoli 1, che ha parlato di quanto accaduto al Vecchio Pellegrini: “I fatti di ieri -sottolinea Verdoliva- si sono susseguiti con una velocità assurda. Riceviamo un paziente con ferite da arma da fuoco, seguito da una cinquantina di persone che hanno devastato tutto. E’ stata una colata di lava così bollente da non poter essere gestita dalle guardie. Parliamo di una presenza di circa 30 persone delle forze dell’ordine, è stato un corpo a corpo. Abbiamo fatto in modo che non entrassero in rianimazione, dove era il ragazzo.Ospedale Vecchio Pellegrini: pronto soccorso già riaperto dopo la devastazione Alla notizia del decesso, si è scatenato il delirio, persone che gettavano in aria computer, monitor, lettini. Gli operatori si sono ammassati, assieme ai pazienti, in una stanza. Schizzi di sangue ovunque, io non ho parole per quello che poi, alle 7, al mio arrivo, ho trovato. Oss, infermieri, medici terrorizzati dall’accaduto, pazienti ancora più spaventati, una condizione psicofisica all’estremo, una situazione da prima linea.

Ho percepito l’impossibilità di poter svolgere il servizio, sia per garantire la sicurezza di operatori e pazienti, ma anche perché non c’era nemmeno un defibrillatore, un lettino, un lenzuolo. Quindi, alle 7.30, ho dovuto dichiarare l’interruzione del servizio, una cosa assurda e pericolosissima. L’azienda ha voluto reagire, ho percepito una compattezza, una squadra fortissima. La presenza del presidente De Luca -prosegue- ci ha dato una grandissima carica. Il Prefetto mi ha chiesto di portare da lui gli operatori. Si dice che quando arriva la droga del quartiere si sparano i fuochi, e noi, con le sirene, abbiamo voluto esprimere un concetto: non la daremo vinta a questi delinquenti e ripartiremo più forti di prima.

Abbiamo tutti gli elementi per individuare i delinquenti che hanno profanato e insultato un ospedale, quindi mi aspetto che le conseguenze siano durissime. Il filtro non può esserci, perché le persone devono sapere ciò che è davvero accaduto. Sul presidio di polizia fisso con due agenti non sono mai stato convinto, e ieri trenta agenti non hanno potuto fare molto. Qui bisogna cambiare la gente, far capire alle persone che la sanità è al loro servizio. Ieri, a Napoli -conclude amaramente- c’è stato un episodio di guerra, dello Stato contro l’anti-Stato”.

Lucia (OSS aggredita): “Erano animali. I pazienti volevano scappare”

In diretta a ‘Barba&Capelli’ è intervenuta anche Lucia, Oss aggredita al pronto soccorso del Vecchio Pellegrini nella notte tra sabato e domenica: “E’ stata una situazione indescrivibile, c’è la necessità di non dover dimenticare. Io vorrei lavorare al sicuro, perché amo il mio lavoro esattamente come tanti altri miei colleghi. Non ho mai assistito ad un episodio del genere, erano animali. Alcuni pazienti volevano scappare, abbiamo dovuto tranquillizzare chi aveva l’ossigenoterapia. C’erano anziani che andavo protetti. Un ragazzino non doveva trovarsi lì a quell’ora. I genitori dovevano dare un’educazione che non c’è stata. Bisogna fermare questo scempio, i ragazzi vanno fermati in tempo”.

Ospedale Vecchio Pellegrini, l’appello: “Presidi di polizia fissi”

Ospedale Vecchio Pellegrini: pronto soccorso già riaperto dopo la devastazione

Quanto accaduto ha chiaramente lasciato il segno sul personale sanitario del Vecchio Pellegrini, a tal punto che stamattina c’è anche stata una protesta all’esterno del nosocomio partenopeo.

Una sorta di flash-mob, organizzato dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.Ospedale Vecchio Pellegrini: pronto soccorso già riaperto dopo la devastazione Quest’ultimo rivendica con forza ancora maggiore una sua battaglia, quella di dotare il Vecchio Pellegrini (come gli altri presidi ospedalieri napoletani) di un presidio fisso di polizia, in modo da restituire più sicurezza possibile ai pazienti e al personale in servizio.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie