31-10-20 | 21:00

Napoli: multe a lidi e discoteche. Verificate 300 imprese per sicurezza sul lavoro

Home Cronaca di Napoli Napoli: multe a lidi e discoteche. Verificate 300 imprese per sicurezza sul...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Napoli e provincia: Centinaia di imprese e migliaia di lavoratori controllati tra cui stabilimenti balneari e discoteche. Il bilancio dei Carabinieri.

In occasione del Ferragosto 2020 i Carabinieri del comando provinciale di Napoli, del gruppo per la tutela del lavoro nonché personale dell’ispettorato territoriale del lavoro di Napoli stanno proseguendo l’attività di controllo per verificare la corretta applicazione delle norme a tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro in relazione ai vigenti protocolli governativi, condivisi con gli organismi di rappresentanza delle parti datoriali e delle maestranze, circa le misure per il contenimento della diffusione del virus “covid-19”.

I controlli nei luoghi della “movida”, nelle discoteche, negli stabilimenti balneari e in tutti i luoghi di potenziale assembramento hanno il duplice scopo di tutelare la salute pubblica e garantire la sicurezza dei lavoratori, contrastando l’impiego “in nero” e lo sfruttamento del lavoro, soprattutto in questi momenti di crisi sanitaria, dove ci può essere una maggiore tentazione di deviare dal rispetto delle regole in nome di una rapida ripresa delle attività economiche, con esiti invece che potrebbero compromettere la salute di tutti.

Gli accertamenti sinora effettuati durante il periodo di crisi sanitaria nella sola provincia di Napoli già dal mese di marzo hanno visto circa 300 imprese controllate con 4000 lavoratori occupati, 189 sanzioni contestate per il mancato rispetto della normativa anti covid, 41 datori di lavoro deferiti all’autorità giudiziaria e 76.500 euro di sanzioni amministrative elevate.

Più grave, invece, la situazione connessa alla tutela della sicurezza negli ambienti di lavoro, dove è stata constatata una maggiore tendenza alle violazioni alla normativa, soprattutto nel settore dell’edilizia, colpito da alcuni gravi incidenti anche mortali, nel quale sono state controllate nel mese di luglio dai carabinieri e dal personale dell’ispettorato del lavoro, dell’ASL e del comando provinciale dei vigili del fuoco, che hanno operato con grande sinergia attraverso il costante coordinamento della prefettura e con il supporto aereo del nucleo elicotteri carabinieri di Pontecagnano, 41 imprese edili di cui 30 risultate irregolari. In particolare, su 126 operai, 38 erano occupati “in nero” e senza alcuna garanzia, 4 dei quali percettori di reddito di cittadinanza.

Le verifiche hanno comportato 15 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale ed un sequestro penale per gravi violazioni alla sicurezza (73 complessive quelle contestate), che hanno comportato ammende per 530mila euro, mentre le violazioni amministrative elevate sono state 52, con sanzioni pecuniarie ammontanti a 177mila euro.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Rodari al rione Salicelle di Afragola con il rap di Lucariello

Le fiabe e le storie di Gianni Rodari interpretate con i ritmi metropolitani dal rap di Lucariello. Il flash mob della cooperativa Eco tra...

Il Policlinico Vanvitelli attiva 100 posti letto Covid

Riorganizzazione attività ospedaliera per il Policlinico Vanvitelli che ha riconvertito l'edificio 3 e l'edificio 17 per destinare 100 posti letto ai ricoveri Covid. L'Azienda Ospedaliera...

Minacce all’imprenditore antiracket Nocerino, Coop Siani: “Solidarietà alla vittima”

Minacce all’imprenditore antiracket Nocerino, Coop Siani: “Piena solidarietà alla vittima. Chiediamo l'intervento dello Stato!” La coop. Giancarlo Siani interviene in merito al vile atto intimidatorio ai danni...

Coronavirus in Campania, i dati di oggi: 3.669 positivi e 275 nuovi guariti

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 30 ottobre dell'unità di Crisi regionale riporta 3.669 nuovi positivi di cui 3.477 asintomatici su 20.860 tamponi...

Cinema, è morto Sean Connery: aveva 90 anni

E' morto Sean Connery: l'attore scozzese, indimenticabile James Bond, aveva compiuto 90 anni il 25 agosto scorso. Sir Sean Connery è morto a 90 anni,...