Tra Lui e Leo, Mertens entra nella storia ma non basta: al San Paolo 1-1 tra Calcio Napoli e Barcellona

167
Tra Lui e Leo, Mertens entra nella storia ma non basta: al San Paolo 1-1 tra Calcio Napoli e Barcellona

Nell’andata degli ottavi di finale di Champions tiene bene la difesa azzurra che concede un solo tiro in porta ai catalani. Di Mertens e Griezmann i gol partita 

E’ la partita più difficile nell’anno più difficile. E’ la partita della “prima volta” di Messi al San Paolo sul prato che fu di Re Diego e col quale troppe volte sono stati fatti paragoni. Non da parte dei tifosi partenopei che hanno salutato l’arrivo della Pulce gridando il nome di Diego.

E’ solo l’andata e queste sono partite che si possono risolvere anche con un dettaglio. Per questo come detto da Gattuso in conferenza non solo è importante la fase difensiva ma anche e soprattutto mantenere le linee della squadra unite.

Gattuso lascia Allan in panchina e schiera: Ospina, Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Mario Rui; Demme, Fabian Ruiz, Zilelinsky; Insigne, Mertens, Callejon.

Tra Lui e Leo, Mertens entra nella storia ma non basta: al San Paolo 1-1 tra Calcio Napoli e Barcellona

Per molti dei ragazzi di Gattuso potrebbe essere l’ultima occasione per scrivere la storia di questo club: soprattutto Mertens e Callejon, soprattutto loro. Il primo alla ricerca del gol che lo porterebbe in testa ai cannonieri di tutti i tempi del Calcio Napoli ed il secondo, con un contratto lontanissimo, lui, il “pacco” del Real che è entrato di forza nella storia del club azzurro.

Il Calcio Napoli gioca, sin dall’inizio, nell’unica maniera possibile contro il Barcellona: attenzione difensiva e ripartenze. Per tutta la partita la squadra non ha mai dato l’impressione di soffrire la potenza catalana… anzi l’attenzione dei quattro difensori è stata encomiabile con un Di Lorenzo che si è permesso addirittura di dribblare Griezmann e che non ha mai gettato via un pallone. Queste corazzate si possono affrontare e battere solo se non si commettono errori.

Possesso palla sterile del Barcellona ed il Calcio Napoli in molte occasioni dà l’impressione di poter far male alla difesa blaugrana.

La cronaca: 

Al 10′ il primo tiro in porta è di Mertens: il tiro è debole e facilmente parata da Ter Stegen.

Al 30′ Mertens porta in vantaggio il Calcio Napoli

Grande azione di Zielinsky che passa orizzontalmente la palla. Velo intelligentissimo di Insigne e Mertens prima stoppa il pallone e poi con una parabola perfetta a giro, supera il portiere catalano.

E’ il gol che permette a Mertens di scrivere il suo nome nella storia del Calcio Napoli: il 121mo gol da quando veste la maglia azzurra.

Esplode il San Paolo: il Calcio Napoli c’è e può fare la sua partita nella maniera migliore.

Al 43′ Lancio in area per Callejon. Lo spagnolo appoggia la palla a Manolas che tira a lato. Ottima occasione per gli azzurri.

Finisce il primo tempo senza un tiro in porta per il Barcellona. Calcio Napoli compattissimo e concentratissimo.

La ripresa riprende sugli stessi ritmi, quelli voluti da Gattuso.

Niente da fare per Messi e soci: gli spazi non ci sono con Insigne e Callejon che chiudono le fasce, con Fabian Ruiz e Zielinsky che chiudono qualsiasi linea di passaggio, con Demme che ruba quei pochi palloni lasciati dal Barcellona, con la linea difensiva mai preoccupata di giocare il pallone al limite del rischio e capace in più di una occasione di uscire dal pressing e ripartire. Manolas e Maksimovic due muri invalicabili.

Al 49′ ammonizione per Sergi Busquets: lo spagnolo salterà la gare di ritorno.

Il fallo commesso da Busquets, però, non consente a Mertens di proseguire la sua “enorme” partita. Entra Milik al posto del belga.

Al 57′ il pareggio del Barcellona

Probabilmente un fallo su Insigne non chiamato da un mediocre arbitro Brych, fa iniziare l’azione del gol col Barcellona che, alla fine, sfonderà proprio sulla zona lasciata libera da Lorenzo e con Mario Rui, non protetto, che lascia spazio a Semedo sulla fascia. Il cross basso viene depositato in rete da Griezmann.

Al 61′ è Insigna ad impegnare Ter Stegen in una parata a terra dopo un bel dribbling in area.

Al 63′ Callejon lanciato splendidamente da Milik è solo davanti al portiere. Il tiro, però, viene parato. Errore grave da parte dello spagnolo. generosissimo ma, al solito, poco lucido davanti alla porta.

Al 74′ entra Politano per Callejon

All’80’ è Demme a lasciare il campo per Allan.

All’89 viene ammonito Vidal per un fallo su Mario Rui. I due si “beccano” e costringono l’arbitro a cacciare altri due cartellini: per l’ex juventino è rosso! Anche lui non giocherà il ritorno al Bernabeu.

La partita finisce senza altri sussulti.

Possesso palla 64% a 36% per il Barcellona. Tiri 7 per parte ma il Calcio Napoli ha calciato ben 4 volte in porta contro l’unica occasione (realizzata) per il Barcellona.

Anche i dati parlano di una partita giocata benissimo dal Calcio Napoli. Nel giorno della “sfida” a distanza di decenni tra Maradona e Messi, al San Paolo brilla la stella di Mertens. Peccato che la sua perla non sia servita per regalare una vittoria che, alla fine, poteva essere anche meritata.

Voti alti per tutti gli azzurri. Ovviamente la palma del migliore va a “Ciro” Mertens ma sul podio, prepotentemente c’è Di Lorenzo: forte, gagliardo, propositivo, mai impaurito.

Il Barcellona parte col vantaggio del punteggio e del proprio campo ma il Calcio Napoli non parte già sconfitto. Sarà difficilissimo ma il sogno può rimanere acceso.