Liverpool-Napoli, Ancelotti: “Grande partita, ma non bisogna esaltarsi”

156
Liverpool-Napoli, Ancelotti:

Liverpool-Napoli termina 0-3 per gli azzurri, ma il tecnico dei partenopei non perde di vista la realtà: “In questo periodo dell’anno conta il lavoro”.

Liverpool-Napoli | Tre gol ai campioni d’Europa, seppur d’estate e con gli avversari in formazione rimaneggiata, sono una bella iniezione di fiducia. La conferma che il Napoli sta lavorando bene e che il materiale per una grande stagione c’e’. Attenzione, pero’, Carlo Ancelotti sa bene che potrebbe esserci il rischio di perdere di vista la realta’. “E’ stata una gran partita, ma non bisogna esaltarsi. In questo periodo dell’anno conta il lavoro”, dice il tecnico degli azzurri dopo il 3-0 rifilato al Liverpool di Jurgen Klopp nell’amichevole di Edimburgo. “Non c’era da deprimerci l’anno scorso quando perdemmo 5-0, non e’ il caso di essere euforici adesso dopo questo 3-0. Sono test importanti ma valgono soprattutto per valutare la condizione di crescita della squadra – spiega Ancelotti ai microfoni di Sky Sport -. Sotto questo profilo sono molto soddisfatto. Contro la Cremonese eravamo pesanti per i carichi effettuati, oggi eravamo piu’ sciolti e ci siamo espressi bene. Siamo comunque in una fase preliminare e non sarebbe equilibrato se oggi avessimo tutti i calciatori al top. E’ un momento della stagione in cui bisogna proseguire ad allenarci seguendo i nostri programmi con intensita’”.

Le parole di Ancelotti

Un Napoli che ha dato ottime risposte sul piano della condizione atletica. “Oggi eravamo piu’ freschi e si e’ visto. Ho apprezzato nei ragazzi la voglia di dimostrare quello che abbiamo provato anche tatticamente in questo mese e sono molto contento delle indicazioni che ho avuto”, sottolinea Ancelotti che ha provato Callejon centrocampista centrale: “Jose’ e’ una grande risorsa per noi. Puo’ giocare ovunque ed ha caratteristiche di versatilita’ unica. Non era un esperimento perche’ io so cosa puo’ dare Callejon. Sembrava un centrocampista con 15 anni di esperienza”. Insigne partendo da sinistra e’ stato decisivo: “Quella e’ la sua posizione, conosco le qualita’ di Lorenzo benissimo e le abbiamo viste anche l’anno scorso fino a dicembre. E’ un talento e per noi un giocatore importantissimo”. Sul mercato poca voglia di parlare, soltanto la conferma che c’e’ la voglia di aggiungere a questa rosa un grande nome.