Calcio Serie A: Abodi parla di nuovi progetti per gli stadi

647
Universiadi 2019, seggiolini al San Paolo: La data di inizio lavori

Al forum organizzato dal Sole 24 ore, il presidente dell’ICS ha trattato il tema dell’impiantistica sportiva in Italia

 

Che gli impianti sportivi siano fondamentali, era cosa risaputa; che gli spettatori in Serie A sono calati soprattutto per le fatiscenti condizioni degli stadi, era cosa ancora più ovvia.

La cosa più assurda è che da 25 anni, nell’agenda del Governo, non entra mai il problema “impianti sportivi”.

Il dibattito che si è tenuto nell’ambito del Forum Sport & Business, organizzato dal Sole 24 ore, ha avuto come principale protagonista Andrea Abodi, presidente dell’Istituto per il credito sportivo (Ics).

Queste le parole di Abodi:

“In un Paese come l’Italia che ha tante priorità, il calcio può diventare anche un’opportunità sociale. Il Credito sportivo propone un patto con Governo, Comuni, Figc e Leghe per lo sviluppo sostenibile delle infrastrutture”. Ogni giorno vissuto in uno stadio inadeguato costa al club molto di più degli investimenti necessari per renderlo moderno, accogliente e umano”,

il Presidente ha anche affermato che l’arretratezza del sistema calcistico è anche dovuta all’abbandono della progettualità da oltre 25 anni e che, per lui, siamo, finalmente, all’inizio di un percorso di sviluppo.

Parole che suonano come musica per tutti coloro che sono costretti da 30 anni a vivere stadi fatiscenti nati o ristrutturati per il mondiale di Italia 90.

Vedremo cosa succederà, nel frattempo, a Napoli, stiamo ancora aspettando “o’ tabellone…”.