Calcio Napoli, “manita” all’Empoli con Mertens superstar

518
Calcio Napoli, Mertens:

5-1 il risultato finale con tripletta di Mertens e gol di Insigne e Milik. Turn over massiccio di Ancelotti.

 

Cinico, pratico, sornione e devastante: questa la sintesi del Calcio Napoli di oggi con il trio d’attacco che regala finezze e giochi di prestigio. Anche Milik torna al go, pur essendo entrato solo all’80’.

Il rischio di essere distratti dalla partitissima col PSG c’era ed era fortissimo. Ma Ancelotti non è uomo da lasciarsi sorprendere e manda in campo molti ragazzi che poche volte hanno disputato l’intera partita.

Karnezis a porta al posto di Ospina; Koulibaly inamovibile al centro della difesa con a fianco Maksimovic. Sui lati Hysaj gioca a sinistra mentre Malcuit a destra.

Centrocampo stravolto con Zielinsky a sinistra, Rog e Diawara centrali e Fabian Ruiz sulla destra. In attacco partono Insigne e Mertens.

Pronti via ed il Calcio Napoli arriva tre volte alla conclusione prima del gol di Insigne al 9’.

L’inizio è incoraggiante con il gioco, rapido nei primi minuti, che si sviluppa per tutto il campo con ampiezza fino all’area di rigore avversaria.

Dura poco, però, questo atteggiamento del Calcio Napoli.

L’Empoli, nonostante il pesantissimo passivo dimostra di essere una ottima squadra che sa giocare al calcio e diverte con le sue azioni. Il centrocampo del Napoli si limita a contenere anche se Diawara e Rog, chiamati ad una prova convincente, non entrano mai nel vivo della partita e non sono mai determinanti. Pian piano l’Empoli prende campo ma non tira mai in porta nonostante una buona manovra fino alla trequarti. Tutta la partita si svolgerà su questo canovaccio: il Napoli, sornione e abbastanza attento con Koulibaly diga invalicabile e Maksimovic attento tranne che in alcune letture sul fuorigioco, punge in contropiede o gioca sulla tecnica dei propri attaccanti.

Al 38’ il raddoppio azzurro con Mertens che con un colpo da biliardo supera Provedel.

Nella ripresa si ritorna a giocare sugli stessi ritmi. È l’Empoli, però, a realizzare con Caputo il gol che riapre la partita. Per qualche minuto si teme che la partita si possa incanalare su binari inaspettati ma Ancelotti corre subito ai ripari inserendo Allan e Callejon al posto di Rog e Fabian Ruiz (piuttosto mediocre la prova del croato, mentre Fabian Ruiz continua a stupire per tecnica e presenza fisica nel campo).

Da una palla giocata dai due nuovi entrati inizia l’azione che porta al 3-1 di Mertens bellissima la giocata del belga che con un tiro a giro esterno sul palo lontano, realizza un gol decisivo.

Nonostante l’empoli continui a giocare (Ancelotti in conferenza dirà che i toscani sono stati, in alcuni tratti della gara, superiori agli azzurri) è il Calcio Napoli a realizzare il quarto ed il quinto gol con Milik subentrato ad un mediocre Zielinsky e col solito Mertens che all’ultimo minuto di recupero, in contropiede, porta a casa il pallone del match.

Il risultato è bugiardo per il gioco espresso dall’Empoli ma, vedendo il numero dei tiri in porta ( 13 a 4 per gli azzurri) si capisce come le forze in campo erano decisamente agli antipodi.

Nonostante il turn over, Ancelotti è riuscito, ancora una volta a stimolare gli uomini in campo. Bene Koulibaly ed ovviamente  Mertens. Decisivi Callejon ed Allan dopo il loro ingresso in campo. Ci si aspettava di più da Diawara e Rog mentre Malcuit non ha inciso come in altre occasioni.

È il trio d’attacco sugli scudi: Mertens con Insigne raggiunge quota 7 gol mentre Milik segna un gol che fa morale dopo qualche critica ricevuta.

Il Calcio Napoli è il miglior attacco del campionato: i dati smentiscono chi vuole un bomber d’attacco: Mertens, Insigne e Milik danno ampie garanzie. Poi c’è Verdi ed Ounas, insomma, tanta abbondanza.

Ed ora il PSG per una partita che già ha il sapore di uno spareggio.

foto sscnapoli