Amatori Napoli Rugby: E’ festa per la promozione in serie A

308
Amatori Napoli Rugby: E' festa per la promozione in serie A

I giocatori dell’Amatori Napoli Rugby festeggiano la promozione in serie A con numeri da record: 20 vittorie su 22 partite disputate, 96 punti totalizzati. 

“Voliamo in serie A”, ripetono a gran voce i giocatori dell’Amatori Napoli Rugby. Impresa realizzata e cavalcata trionfale: 20 vittorie su 22 partite disputate, 96 punti totalizzati e 14 lunghezze di distacco rifilate all’Arvalia Villa Pamphili, seconda nel girone 4. Score pazzesco e stagione da incorniciare per capitan Alessandro Quarto e compagni.

Tagliato l’ambito traguardo nell’anno delle Universiadi. L’Amatori riporta Napoli nello scenario della palla ovale che conta. Al Villaggio del Rugby, ubicato nell’ex area Nato di Bagnoli, un fortino con vista Capri da un lato e Vesuvio dall’altro, hanno preso parte ai meritati festeggiamenti il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, l’assessore allo sport, Ciro Borriello.

 

Amatori Rugby esempio bellissimo della Napoli che vuole arrivare ad ogni costo all’obiettivo e al risultato: questa è la Napoli vincente. Se ci fosse una maggiore diffusione di questa Napoli, sarebbe la prima città al mondo”, spiega Cafiero De Raho, che si è complimentato con i protagonisti del salto di categoria, che hanno tradotto in realtà il loro sogno. Esprime la sua ammirazione il primo cittadino. “Sono proprio felice. Era tanto tempo, che mancava quest’obiettivo. Il rugby sta diventando sempre più determinante nella nostra città”.

 

Aggregazione e vittorie il giusto mix per appassionare i tifosi e le famiglie. “Una bella storia di sport. Compiuta tutta la trafila dalla C alla A. Dobbiamo stringerci intorno a questa squadra e al rugby, sport davvero fantastico”, osserva Borriello, che attende il presidente Diego D’Orazio, il tecnico Lorenzo Fusco, il direttore sportivo Gabriele Gargano e i rugbisti verdeblu a Palazzo San Giacomo per una solenne premiazione.

Le foto sono di Luigi Petrucci