28-11-20 | 11:53

Le mille scoperte di Pompei a cavallo della storia, tra anfore, maschere e… delfini

Home Cultura Le mille scoperte di Pompei a cavallo della storia, tra anfore, maschere...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
23cdab26c88f714dd9afeb2fab1bdf03?s=120&d=mm&r=g
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

A millenni di distanza, gli scavi del parco archeologico di Pompei alle pendici del Vesuvio continua a regalare sorprese.

Continuano a regalare sempre nuove sorprese gli Scavi nel parco archeologico di Pompei. Proprio nei giorni scorsi l’ultimo ritrovamento presso la Regio V, dove ha cominciato a venire alla luce una nuova casa, la Domus dei Delfini, lussuosa e raffinata dimora di fronte alla Casa delle Nozze d’Argento. Tra affreschi dai colori vivaci, si sono potuto gia’ riscontrare un pavone, un pappagallo, una pernice, caprioli, animali fantastici e appunto i delfini che danno il nome alla casa, che probabilmente apparteneva a un notabile della citta’.

Ma si tratta solo degli ultimi ritrovamenti in ordine di tempo. Infatti, sempre presso una zona della Regio V emergono edifici con tre grandi balconi. Su uno dei quali si trovano anche delle anfore del vino rovesciate, probabilmente messe ad asciugare al sole. I balconi verranno restaurati e inseriti in un percorso tutto nuovo che colleghera’ la via di Nola con il vicolo delle Nozze d’Argento.

Per ulteriori notizie in merito alle continue scoperte che il parco archeologico di Pompei continua a regalare, visita il sito www.stylo24.it. Le mille scoperte di Pompei a cavallo della storia, tra anfore e... delfiniChe continua ad aggiornare su quelli che sono autentici “regali” da parte del sito. Come la straordinaria scoperta fatta nell’area di Civita Giuliana, nella zona Nord fuori le mura del sito archeologico di Pompei. Ovvero una serie di ambienti di servizio di una grande villa suburbana conservata in maniera eccezionale, dalla quale sono emersi anche diversi reperti. E una tomba del periodo post 79 d.C. che custodiva lo scheletro del defunto. Tra gli ambienti individuati e’ emersa anche una stalla con resti equini.

I graffiti di Pompei tradotti in napoletano

I ritrovamenti fatti presso gli scavi, iniziati per volere di Carlo III di Borbone, rappresentano una delle migliori testimonianze della vita dell’antica Roma. E per la maggior parte sono conservati presso il museo archeologico nazionale di Napoli ed in piccola quantità nell’Antiquarium di Pompei. La loro “modernita’” e’ sfociata in una iniziativa dello stesso parco, che consiste in una traduzione in napoletano dello studioso Carlo Avvisati, di quelli che tra i graffiti, i tituli picti e le scritte musive, trovate a Pompei in quasi 3000 anni di scavi, sono i più belli e interessanti per meglio comprendere la vita civile e politica di una cittadina romana del I secolo dopo Cristo.

L’obiettivo, spiega Avvisati, è quello di coniugare la bellezza e la sagacia della lingua di Tacito, Orazio e Ovidio, con la prontezza e la vivacità del dialetto napoletano, che della parlata latina è il discendente diretto.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Premio nazionale Storie di Alternanza: vince il liceo Pietro Giannone di Caserta

Premio nazionale Storie di Alternanza: il Liceo Pietro Giannone di Caserta si classifica primo con il progetto “Stay at Home (coronavirus + emergency) Film...

Campania zona rossa fino al 3 dicembre, De Luca: “Da noi l’unica è quella dell’aglianico”

Il governatore risponde ironicamente alla decisione di confermare la Campania zona rossa fino al termine dell'attuale Dpcm. La Campania zona rossa. Il Ministro della Salute, Roberto...

Frattaminore e Pozzuoli, ancora casi di violenza sulle donne: due arresti

Ancora episodi di violenza sulle donne: un 43enne e un 27enne sono stati arrestati dai Carabinieri a Frattaminore e Pozzuoli. Ad oggi sono 971...

Anm: sono iniziate le prove della linea filobus 204 ad alimentazione elettrica

Anm Napoli: sono partite le prove notturne della nuova filovia 204 ad alimentazione completamente elettrica. Entro fine 2020 l’avvio del servizio da Piazza Museo...

Tina Cipollari lascia il ruolo da opinionista per il trono?

Uomini e Donne, anticipazioni: Tina Cipollari annuncia con un post su Instagram di essere tornata single. Arrivano le ultime anticipazioni di Uomini e Donne e...