domenica, Gennaio 17, 2021

Il Chelsea di Sarri vince l’Europa League: i “sarristi partenopei” fanno festa

- Advertisement -

Notizie più lette

Il Chelsea di Sarri vince l’Europa League: i “sarristi partenopei” fanno festa
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Maurizio Sarri ha vinto l’Europa League col suo Chelsea: è festa tra i “sarristi”. Complimenti social del Calcio Napoli, in attesa del futuro del tecnico (che potrebbe chiamarsi Juventus).

Una vittoria netta, quella del Chelsea contro l’Arsenal, nella finale di Europa League. Un 4-1 (gol di Giroud, Pedro e doppietta di Hazard, con in mezzo la rete della bandiera di Iwobi) che non ha lasciato scampo ai gunners di Emery e ha consegnato la coppa ai bleus guidati da Maurizio Sarri, al primo trofeo vinto in carriera dopo aver solo intravisto la gioia del trionfo nel Calcio Napoli (dove ha sfiorato due volte lo scudetto).

Il giusto premio alla carriera di un allenatore partito dai campi di periferia ed arrivato ad essere tra i più apprezzati d’Europa. La vittoria di Sarri è stata salutata con grande entusiasmo anche dai sarristi napoletani, un folto gruppo dei quali (da tempo seguaci di una famosa pagina Facebook, Sarrismo – Gioia e Rivoluzione) si è riunito in piazza Miraglia (nel Centro storico partenopeo) per vedere la partita, quasi come fosse stata una finale con impegnato il Napoli o una gara di Europei o Mondiali della Nazionale.Il Chelsea di Sarri vince l’Europa League: i “sarristi partenopei” fanno festa Lo stesso tecnico non ha dimenticato la città partenopea nelle dichiarazioni post partita, poiché ha dedicato la vittoria proprio “ai tifosi del Napoli, perché è una gioia che a loro non sono riuscito a regalare”. Del resto, un anno fa, di questi tempi, Maurizio Sarri veniva osannato dai tifosi del Calcio Napoli dopo aver conteso fino alla fine lo scudetto della Juventus.

Aurelio De Laurentiis avrebbe voluto continuare con lui, ma il tecnico la pensava diversamente, accettando l’offerta del Chelsea. E a proposito di ADL e del Calcio Napoli, da sottolineare i complimenti social arrivati a Sarri subito dopo il fischio finale a Baku.

Maurizio Sarri e quelle dichiarazioni che aprono alla Juventus

Ma dopo la finale di Europa League, ci sono altre dichiarazioni di Maurizio Sarri che hanno fatto “rumore”. Parole che sembrano aprire ad un futuro alla Juventus, che lo vorrebbe per il dopo-Allegri, tanto che molti giornali danno il 60enne tecnico toscano come favorito per la panchina bianconera: I napoletani sanno benissimo l’amore che provo per loro. Il rispetto da parte mia l’avranno sempre, ma la professione ti porta anche a fare altri percorsi, ma questo non cambia il mio rapporto coi tifosi e la città”.Il Chelsea di Sarri vince l’Europa League: i “sarristi partenopei” fanno festa Chissà se queste parole prefigurano un addio al Chelsea. Bisogna vedere anche cosa ne pensa Roman Abramovich, col magnate russo che potrebbe anche decidere di trattenere Sarri (sotto contratto per altri due anni). Viceversa, la Juve potrebbe anche pagare un indennizzo di 5 milioni per portare a Torino il “profeta del sarrismo”, simboleggiato dal suo meraviglioso 4-3-3. Sarebbe intrigante vedere se Sarri riuscisse in questa impresa anche a Torino, dopo che, parole dello stesso Maurizio, già a Londra ha spesso “ceduto” al pragmatismo dei suoi giocatori.

Un suo approdo in bianconero provocherebbe grande dispiacere (eufemismo) tra i tifosi del Napoli, alcuni dei quali hanno perfino rimpianto il “sarrismo” in questa stagione, pur essendoci un grande come Carlo Ancelotti sulla panchina azzurra. Senza dimenticare che in tanti hanno identificato Sarri come simbolo “dell’assalto al palazzo” a tinte bianconere, fallito per pochissimo.

Foto “sarristi” in piazza Miraglia: “Il Mattino”

- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie