I bastardi di Pizzofalcone, ci sarà anche la terza serie

647
I bastardi di Pizzofalcone, ci sarà anche la terza serie

I Bastardi di Pizzofalcone: dopo il grandissimo successo della seconda, la Rai produrrà anche una terza serie ispirata ai romanzi di Maurizio de Giovanni.

Lunedì scorso è andato in onda su Rai 1 “Tradimenti”, ultimo episodio della seconda serie de I bastardi di Pizzofalcone, tratta dai romanzi di Maurizio de Giovanni. Ancora una volta grande successo di ascolti (battuta sistematicamente la concorrenza del Grande Fratello Vip) per la serie che vede protagonista, tra gli altri, Alessandro Gassmann nei panni dell’ispettore Lojacono, poliziotto dal grande intuito venuto a Napoli dalla Sicilia e con un passato burrascoso alle spalle.I bastardi di Pizzofalcone, ci sarà anche la terza serie Il finale ha lasciato tutti col fiato sospeso, vista l’esplosione di una bomba davanti alla locanda di Letizia, dove i poliziotti stavano festeggiando il loro ennesimo successo (questa volta frutto della collaborazione di Lojacono con la Dda guidata da Diego Buffardi). Un finale aperto, che però proseguirà con una terza serie, come annunciato dalla direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta: “È già in preparazione lo sviluppo della terza serie -ha dichiarato Andreatta- che tornerà a mostrare i nostri protagonisti, tra cui va annoverata una Napoli inedita e piena di umanità“. Per la direttrice di Rai Fiction, il successo della serie nasce “grazie alla forza delle storie nate dall’invenzione straordinaria di Maurizio de Giovanni, alla bravura e generosità di tutto il cast a partire da Alessandro Gassmann, e all’elegante regia di Alessandro D’Alatri”.I bastardi di Pizzofalcone, ci sarà anche la terza serie Oltre al destino di Lojacono, grande curiosità anche per il futuro dell’agente Marco Aragona (Antonio Folletto) che, dopo aver rotto i rapporti col padre, decide di restare con i “Bastardi”, e di Alex Di Nardo (Simona Tabasco), che ha finalmente rivelato al padre la propria omosessualità e la relazione col medico legale Rosaria Martone (Serena Iansiti). Senza dimenticare Giorgio Pisanelli (Gianfelice Imparato), che vuole a tutti i costi stanare il “frate assassino” (Giovanni Esposito) e, ovviamente, la pm Laura Piras (Carolina Crescentini) tornata insieme a Lojacono. Interesse dei fan anche per la relazione tra il vicequestore Luigi Palma (Massimiliano Gallo) e Ottavia Calabrese (Tosca D’Aquino), mentre Francesco Romano (Gennaro Silvestro) continua a inseguire il sogno di poter adottare la piccola Giorgia.

Tutti uniti in un grande mosaico piaciuto tantissimo ai telespettatori, e che conferma quanto la buona letteratura italiana possa avere successo anche in tv.