29-11-20 | 17:53

Francia, protesta del “Gilet Gialli”: distrutti 3275 autovelox in tutto il Paese

Home Esteri Francia, protesta del “Gilet Gialli”: distrutti 3275 autovelox in tutto il Paese
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Protesta del “Gilet Gialli”: La disperazione e la lotta contro il possibile inasprimento di tasse e sanzioni si abbatte sulle apparecchiature elettroniche di rilevazione delle infrazioni. 

Dal 17 novembre, primo giorno della mobilitazione dei “gilet gialli”, oltre la metà dei 3.275 autovelox automatici in Francia sono stati messi fuori servizio. Una vera e propria ecatombe di apparecchiature elettroniche per la rilevazione delle infrazioni: coperti, rotti, vandalizzati o comunque resi inutilizzabili.

Se il Ministero dell’Interno si rifiuta di fornire le cifre per “evitare un’eccedenza”, il sito Radars-auto.com garantisce che il 65% delle telecamere fisse per il controllo della velocità siano state interessate.

Francia, protesta del “Gilet Gialli”: distrutti 3275 autovelox in tutto il Paese

Nel paese, i numeri parlano da soli, anche se non possono essere esaurienti: la situazione cambia da un giorno all’altro, a volte da un minuto all’altro. In pratica una vera e propria epidemia della protesta nella protesta.

I dati seguenti sono stati registrati dal quotidiano “La Dépêche du Midi”, diffuso nella regione Midi-Pirenei e nei dipartimenti di Aude e Alta Garonna. Mentre nessuna cifra ufficiale comunicata dalle prefetture.

Nel Tarn, 23 radar su 33 sono fuori servizio. Quasi il 67% dei dispositivi. Nel Tarn-et-Garonne: 25 radar non funzionano sul 34 che conta il dipartimento. Nell’Aveyron, 13 dei 19 radar sono etichettati o coperti oggi. Non è molto meglio in Ariège: 8 radar sono stati danneggiati in 11. Cinque dei radar degradati sono stati anche dati alle fiamme la stessa notte da mercoledì a giovedì.

Gli Hautes-Pyrénées non sono esclusi: 10 dei 13 radar sono stati vandalizzati. Su 12 radar, 3 sono ora fuori servizio nel Lot ma tutti sono stati danneggiati. La situazione è eccezionale nel Gers. Lì, 21 radar su 22 erano fuori servizio il 13 dicembre.

Da allora, quelli di Isle-Jourdain, Gimont e Jegun sono stati rilasciati e riavviati. La prefettura di Gers n ‘ non desiderava comunicare sul danno di questi degradi, ma si può già garantire che la perdita di profitto sia colossale.

Il radar di L’Isle-Jourdain, il dipartimento più “redditizio”, ad esempio ha lampeggiato quasi 30.000 volte nel 2017. Per trovare i colpevoli di questo danneggiamento di massa, la polizia ha dispiegato i mezzi principali: videosorveglianza, sondaggi, campioni di DNA.

Alla fine di novembre, il Tribunale penale di Tolosa ha condannato tre gilet gialli che avevano incendiato i radar automatici a Saint-Jory, Haute-Garonne e Pompignan, nel Tarn-et-Garonne, tra i tre mesi di prigione e le 105 ore di servizio alla comunità.

Lo stato, quindi dovrà mettersi le “mani in tasca” per sopperire alle conseguenze della protesta.

Basti pensare che solo per riparare un vetro rotto si spende 500 euro e ci vuole circa una settimana per cambiarlo. Circa 75.000 euro per una postazione distrutta e un mese per sostituirla, oltre al necessario lavoro di ingegneria civile.

Ed anche se le sanzioni per il danneggiamento di questi beni pubblici siano severe con pene che possono arrivare fino a sette anni di carcere e multe di 100.000 euro, pare che non abbiano scoraggiato i centinaia, forse migliaia di cittadini, che hanno così voluto esprimere il loro dissenso di fronte a questa che appare essere una fonte indiretta di tassazione che contribuisce ad esasperare il clima già teso in Francia, sul possibile inasprimento dei carichi fiscali.

In tal senso, sembra assurdo che in Italia dove il peso delle tasse, imposte e balzelli è anche superiore, nessuna protesta pubblica sia ancora scoppiata nel corso degli ultimi anni. Ma i francesi, si sa, sono i francesi. Evidentemente.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Tredicesima 2020: ecco quando arriva

Stilata la tabella di marcia per l'erogazione della tredicesima mensilità del 2020: si comincia con i pensionati. Tredicesima 2020 in arrivo dal primo dicembre per...

Meteo Campania, arriva l’inverno: piogge e temperature a picco

Meteo Campania: la prossima sarà una settimana caratterizzata dall'arrivo delle piogge e da un netto calo delle temperature. Meteo Campania | Arriva l'inverno, quello vero....

Aperta una indagine sulla morte di Maradona

Secondo la famiglia di Maradona, ci sarebbero delle irregolarità nei soccorsi. Perquisiti i tre ex dipendenti della ditta funebre che si sono fatti i...

Cartoline personalizzate su internet: ecco alcuni programmi con cui crearle

Cartoline personalizzate su internet: ecco alcuni dei principali programmi con cui creare biglietti di auguri per le varie ricorrenze (dai compleanni alle feste di...

Provincia di Napoli: cantieri edili irregolari. Denunciati 9 imprenditori

Controlli nei cantieri edili di Casoria, Pomigliano D’Arco, Casalnuovo di Napoli, Giugliano in Campania, Quarto, Monte di Procida e Striano: tutti risultati irregolari. Serrati i...