03-12-20 | 11:31

Francia, fa il bagno con lo smartphone: adolescente muore folgorata

Home Esteri Francia, fa il bagno con lo smartphone: adolescente muore folgorata
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

La ragazza ha fatto il bagno vicino allo smartphone in carica. E’ stata trasportata d’urgenza all’Hospital Timone di Marsiglia ma è morta poco dopo.

La notizia è stata riportata da diversi fonti francesi. Fa il bagno vicino allo smartphone in carica e muore folgorata. È successo a Marsiglia, città marittima nel sud della Francia. Adolescente, era nella vasca da bagno e intanto ha pensato di dare un’occhiata al cellulare che era attaccato a una presa del bagno. Purtroppo non è il primo caso. Già si sono verificati incidenti fatali in condizioni simili.

Ma quel gesto gli è stato fatale: secondo la ricostruzione della polizia, il telefono sarebbe scivolato nell’acqua e la scossa elettrica non ha lasciato scampo alla ragazza, trasportata d’urgenza all’Hospital Timone di Marsiglia è morta poco dopo. Nonostante le indagini siano ancora in corso, come si legge, il motivo principale pare essere «folgorazione», ovvero il passaggio di elettricità da un agente esterno al corpo, tramite un conduttore, in questo caso l’acqua.

A spiegarlo, è stato un esperto, interpellato dai giornalisti francesi: «L’acqua è un conduttore di corrente ed è il motivo che ha scatenato la tragedia. Se il telefono non fosse stato collegato a una fonte di energia da 220 volt non sarebbe successo nulla». La spiegazione è corretta, almeno in parte.

All’interno dei telefonini odierni c’è una batteria che non rilascia corrente verso l’esterno anche quando il dispositivo è acceso. Non a caso, cresce sempre più il numero di smartphone con certificazione IP67 o IP68, capaci di resistere a cadute accidentali in acqua o a immersioni più profonde e durature, fino a 3 metri e a 60 minuti.

Il problema qui è la connessione del cellulare ad una sorgente elettrica, che porterebbe a seri incidenti solo in determinate situazioni. C’è un però: la potenza da 220 volt di cui parla l’esperto non viene trasferita, totalmente, al cellulare perché ridotta e canalizzata dal trasformatore inserito nel caricabatterie.

Al contrario, avremmo smartphone bruciati al primo caricamento. Le cause vanno allora ricercate altrove. Lo smartphone di per sé non veicola elettricità. Anche se fosse agganciato alla presa a muro e da questa si staccasse per finire in acqua, la quantità di corrente che dalla porta di alimentazione passa per il cavetto non sarebbe tale da causare una folgorazione (si parla di 3 volt).

Certo, porte difettose o cavi sbucciati con parti scoperte indurrebbero esiti fatali ma sono solo congetture che le indagini dovranno chiarire. Una possibilità, la principale da vagliare, è quella della caduta in acqua di tutto il caricatore, i cui “dentini” potrebbero essere il presupposto del passaggio di corrente da una fonte primaria attraverso il conduttore, e da qui alla persona immersa.

Una potenza sicuramente minore di 220 volt ma resa rischiosa da alcune condizioni, come l’assenza di un salvavita. Ed è quanto successo nel 2017 ad una ragazza di Crotone, folgorata da una ciabatta caduta nella vasca, alla quale era attaccato un telefonino in ricarica. E’ necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Dpcm Natale, Conte firma oggi: stop spostamenti e coprifuoco – LA BOZZA

Passa la linea dura nel nuovo Dpcm Natale con le misure per le festività che verrà firmato nella giornata di oggi e che entrerà...

Terremoto a Pozzuoli: scossa avvertita nella zona flegrea di Napoli

La scossa di terremoto a Pozzuoli è stata avvertita distintamente in alcuni quartieri della città di Napoli, tra cui Fuorigrotta. Una scossa di terremoto è...

Fuorigrotta: la stazione della Cumana sarà intitolata a Maradona

Fuorigrotta: la stazione della Cumana sarà intitolata a Diego Armando Maradona e sarà arricchita dai murales dedicati ai giocatori che hanno fatto la storia...

Galleria Vittoria di Napoli, lavori solo alle facciate: riapertura al traffico in estate?

Galleria Vittoria: potrebbe essere l’estate 2021 il periodo in cui verrà riaperta al traffico il tunnel che collega via Acton a via Chiatamone. Uno dei...

Stasera in tv, giovedì 3 dicembre: “Harry Potter e il calice di fuoco” su Canale 5

Ecco la guida dei film in onda sui principali canali in prima serata giovedì 3 dicembre. Scopri cosa sarà trasmesso in anticipo stasera in...