La pizza fritta per l’Estate 2017 di Salvatore Staiano

1340

Complimenti e consensi per il Maestro Salvatore Staiano della Pizzeria Ristorante “Le Antiche Cave 110 e Lode” (Vico Pigne 1) accanto al Museo Archeologico Nazionale, che ha presentato la nuova pizza fritta per l’ Estate 2017, farcita di “Provola Pomodoro e Basilico”.

pizza frittaSalvatore Staiano è bravo e verace e rappresenta sicuramente uno di quei segnali positivi di una Napoli buona che lavora e produce nel segno della tradizione e delle proprie secolari specialità. Un artista molto bravo e creativo che anche attraverso il suo locale propone un pezzo di una Napoli d’altri tempi fatta di millenario tufo. Ed è appunto presso “Le Antiche Cave 110 e Lode” che da oggi tutti potranno degustare la Pizza Fritta dell’Estate, con provola di Agerola, pomodorino del Piennolo e basilico profumato. Una prelibatezza gastronomica Partenopea, straordinariamente gonfia di fierezza e bontà capace di conservare quell’antico pizza frittagusto delle cose semplici e genuine di una città senza età ed ancora capitale nell’animo e nel cuore. “ Iamme ca se mangia e nun se pava!” Gridava, fuori la sua bottega nel quartiere Materdei, il povero pizzaiolo protagonista dell’episodio “Pizze a credito” del celebre film del 1954 “L’Oro di Napoli” diretto da Vittorio De Sica e tratto dall’opera di Giuseppe Marotta e Cesare Zavattini. Una voce quella del malcapitato personaggio impersonato da Giacomo Furia, che diventando imprecazione interiore e sintomo di amore sofferente per l’irraggiungibile moglie pizzaiola tratteggiata dalla mitica Sofia Loren, consegnò di fatto alla popolarità, oltre all’antica usanza tutta pizza frittanapoletana della pizza fritta, quello che con il nome di pizza “Ogge a otto” fu uno dei primi esempi di credito al consumo. Altrettanto antica quanto la cugina al forno, la pizza fritta, a Napoli, ha da sempre rappresentato una sorta di panacea per i poveri tant’è che venduta a credito con il pagamento posticipato ad otto giorni ( da qui l’appellativo di oggi a otto) il fumante impasto imbottito di provola, cicoli, ricotta e pomodori, o semplicemente colmo di prova e pomodoro, appena prelevato dalla infuocata “tiella” ricolma d’olio, più d’una volta ha salvato dalla fame e dal freddo scugnizzi, faticatori e gente del popolo. Una pizza, quella fritta, che pur associandosi alla Napoli del vicolo pizza frittaspesso tutta al femminile, tuttavia, ha ben presto conquistato anche i palati meno avvezzi ai problemi economici, riscuotendo successo e popolarità ed insidiando con non pochi successi il primato delle vendite a sua maestà la “Margherita”. Attualmente a Napoli, mangiare la pizza fritta è davvero un fatto da intenditori ed estimatori e solo con un’oculata scelta ci si può recare nei locali giusti dove tra storia ed esperienze tramandate di padre in figlio la vera pizza fritta regna ancora sovrana. Tra questi vi è sicuramente la pizzeria “Le Antiche Cave 110 e Lode” che nel ripropone un pezzo di una Napoli d’altri tempi, con Salvatore Staiano offre una pizza fritta digeribile e soffice nell’impasto, straordinariamente gonfia di fierezza e bontà. La stessa che strizzando l’occhio agli ingredienti tipici di una terra felice come quella Campana, è capace di conservare l’antico gusto delle cose semplici e genuine.

Dott.ssa Patrizia Zinno