I dolci di Carnevale: Le chiacchiere e sanguinaccio. Ecco le ricette

407
I dolci di Carnevale: Le chiacchiere e sanguinaccio. Ecco le ricette

Le chiacchiere e sanguinaccio, sono i tipici dolci napoletani preparati  durante il periodo di carnevale, chiamati anche con molti altri nomi regionali. Ecco le ricette e la preparazione.

La tradizione delle Chiacchiere e sanguinaccio risale a quella delle frictilia, i dolci fritti nel grasso che nell’antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo dell’odierno Carnevale e serviti con ciotole di sanguinaccio preparato con il sangue di maiale.

La base è un impasto di farina, burro, zucchero, uova e una componente alcolica, come l’acquavite, il marsala, la sambuca, il vinsanto, il brandy, la grappa, od altro distillato e liquore. Successivamente l’impasto viene tagliato a strisce, talvolta manipolate poi a formare un nodo (in alcune zone prendono infatti il nome di fiocchetti).

I dolci di Carnevale: Le chiacchiere e sanguinaccio. Ecco le ricette

Ingredienti per la ricetta napoletana delle Chiacchiere:

farina 300g.; burro 100g.; due uova; un pizzico di sale; zucchero 50g.; vino bianco secco mezzo bicchiere; olio e sugna (metà e metà); zucchero a velo vanigliato.

Preparazione

Sulla spianatoia disponete la farina a fontana, nel mezzo mettete le uova intere, il burro ammorbidito, un pizzico di sale, lo zucchero e il vino bianco. Lavorate bene l’impasto sino a renderlo consistente ma non troppo sodo. Fatene una palla e mettetelo a riposare in luogo fresco, avvolto in un panno, per circa un’ora. Tagliatelo in pezzi e col matterello stendete ogni pezzo in sfoglie dello spessore di 2-3 millimetri, con la rotellina tagliatele a losanghe, a nastri, con alcuni formate dei nodi senza stringere a gettateli, poco alla volta, nell’olio e sugna bollenti. Appena dorati, adagiateli su carta assorbente per eliminare l’eccesso di grasso.

I dolci di Carnevale: Le chiacchiere e sanguinaccio. Ecco le ricette

Per la cottura ci sono due possibilità

  • l’impasto viene fritto;
  • l’impasto viene cotto al forno.

Infine si spolvera con zucchero a velo o, secondo alcune varianti, possono anche essere coperte da miele, cioccolato e/o zucchero a velo, innaffiate con alchermes o servite con il cioccolato fondente o con mascarpone montato e zuccherato. Ma la tradizione vuole che vengano servite e mangiate con il sanguinaccio.

I dolci di Carnevale: Le chiacchiere e sanguinaccio. Ecco le ricette

Ecco la ricetta del Sanguinaccio napoletano

Ingredienti per circa 1 kg di sanguinaccio

Latte intero 500 g Zucchero 200 g Cacao amaro in polvere 70 g Cioccolato fondente 100 g Amido di mais (maizena) 40 g Burro 30 g Cannella in polvere 2 g

Preparazione

Per preparare il sanguinaccio dolce, cominciate unendo in una ciotola capiente lo zucchero con la cannella ( e, passandoli attraverso al setaccio, aggiungete anche l’amido e il cacao.

Unite quindi il latte freddo a filo, mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Trasferite il composto in una pentola e ponetela suo fuoco basso (6), dove dovrete farla addensare mescolando spesso: ci vorranno circa 10 minuti.

Nel frattempo, tritate grossolanamente il cioccolato fondente e quando la crema risulta addensata unitelo in pentola , mescolando con le fruste fino al completo scioglimento. Aggiungete infine anche il burro, amalgamate anch’esso alla crema fino a farla risultare bella lucida e spegnete il fuoco.

Versate il sanguinaccio in una pirofila bassa e larga, coprite con pellicola a contatto e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Trasferite poi in frigo per almeno 2 ore.

Conservazione

Il sanguinaccio dolce si conserva in frigo, coperto con pellicola, fino a 7 giorni. Potete profumare il vostro sanguinaccio aggiungendo un po’ di liquore a vostro piacere.

Buon Carnevale!