Pomigliano, Di Maio e Conte allo stabilimento Leonardo: “Un miliardo per l’industria aeronautica”

730
Pomigliano, Di Maio e Conte:

Il ministro del Lavoro e il presidente del Consiglio presso la sede di Pomigliano in occasione della nascita dell’AeroTech Campus, il nuovo HUB per l’innovazione tecnologica della Divisione Aerostrutture di Leonardo.

Nasce l’AeroTech Campus, il nuovo HUB per l’innovazione tecnologica della Divisione Aerostrutture di Leonardo. L’annuncio e’ stato dato oggi, presso il sito produttivo di Pomigliano d’Arco, alla presenza del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, del vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Di Maio, dei rappresentanti delle istituzioni locali e dei vertici di Leonardo.

L’iniziativa, oltre all’avvio dell’AeroTech Campus, prevede anche la reingegnerizzazione dei processi produttivi del sito di Pomigliano d’Arco e rappresenta un primo passo verso il rilancio del settore aeronautico del Mezzogiorno d’Italia.

L’AeroTech Campus, cui partecipa anche l’Universita’ Federico II di Napoli, ospitera’ ricercatori, sviluppatori e nuovi team imprenditoriali impegnati nello sviluppo di tecnologie di frontiera da applicare in ambito aerostrutture, utili a garantire e consolidare l’attuale leadership di mercato di Leonardo nel settore.

“La sfida per il futuro del Paese passa dalla sua capacita’ tecnologica e dalla crescita del Mezzogiorno. Leonardo si candida a giocare un ruolo cruciale per il rilancio competitivo Pomigliano, Di Maio e Conte: "Un miliardo per l'aeronautica"del sistema Italia attraverso un piano di investimenti che necessariamente passa da un patto con le Istituzioni. Il nostro obiettivo e’ invertire la rotta e rendere i nostri impianti produttivi un’eccellenza del settore manifatturiero. Leonardo e’ pronta a fare la sua parte e chiediamo agli enti locali e alle amministrazioni centrali di investire nel settore delle aerostrutture al nostro fianco”, afferma Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo.

“Leonardo e’ il sesto produttore mondiale di Aerostrutture per velivoli civili e opera in un mercato che prevede 43.000 nuovi aerei nei prossimi 20 anni, per produrre i quali sara’ necessario disporre di processi produttivi basati sull’utilizzo di nuove tecnologie – spiega il gruppo in una nota –. La Campania e’ per Leonardo una regione di grande importanza in virtu’ della storica presenza industriale. Leonardo e’ il principale attore del Distretto Aerospaziale Campano, e’ presente sul territorio con cinque divisioni e la joint venture Telespazio, per un totale di oltre 4.500 dipendenti”.

Pomigliano, Di Maio e Conte allo stabilimento Leonardo: "Un miliardo per l'industria aeronautica"

“Le attivita’ di Leonardo in Campania garantiscono lavoro altamente qualificato nei siti produttivi di Pomigliano d’Arco, Nola, Fusaro, Giugliano, Pozzuoli, Benevento e Napoli, con un indotto che coinvolge un’estesa rete di piccole e medie imprese. Le collaborazioni con le universita’ sono parte integrante della strategia di open innovation di Leonardo che mira allo sviluppo di nuove tecnologie, competenze, prodotti e servizi e alla valorizzazione della ricerca di base, la cui ricaduta va a vantaggio anche di altri settori industriali”, conclude la nota.

Pomigliano, Di Maio e Conte allo stabilimento Leonardo: "Un miliardo per l'industria aeronautica"

La firma per lo sblocco dei fondi della legge 808 dell’84 per sostenere l’industria aerospaziale.

“Quale miglior posto se non l’hangar di Leonardo per firmare lo sblocco dei fondi della legge 808 dell’85 per sostenere l’industria aerospaziale? Firmiamo qui oggi e dedichiamo un miliardo di investimenti a tutti i lavoratori del comparto”.

Di Maio, annuncia cosi’ la firma del provvedimento, siglato assieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che mette a disposizione del comparto risorse per investire in tecnologie e progettazione. “Non sono fondi destinati solo alle grandi aziende del settore – precisa Di Maio – ma offrono la possibilita’ anche a piccole e medie imprese di entrare in questo bando”.

“Abbiamo concordato di investire sugli stabilimenti di Nola e Pomigliano 130 milioni di euro portando sulla linea produttiva l’intelligenza artificiale”. “Alcuni processi – aggiunge Di Maio – per mancati investimenti sono fermi agli anni ’70 e ’80, anche nella progettazione. Adesso introduciamo tecnologie che consentono anche le progettazioni 3D, per migliorare i tempi e la qualita’”.

Pomigliano, Di Maio e Conte allo stabilimento Leonardo: "Un miliardo per l'industria aeronautica"

La soddisfazione di Conte

Il presidente del Consiglio Conte, si è definito “molto lieto di essere qui per questa giornata significativa e importante. Per il governo tutte le aree del paese, quando si ragiona di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica, sono tutte parimenti importanti. Quando ci sono dei distretti industriali significativi al nord, a Milano ad esempio che rappresenta il 10% del Pil, un padre è orgoglioso dei figli che vanno bene a scuola e che valorizzano i talenti in modo così competitivo. Ma un padre è ancora più orgoglioso e gli si riempie il cuore quando ci sono dei figli ricchi di talenti e altrettanto bravi ma forse un po’ più fragili che riescono a esprimere una capacità, un talento innovativo nelle aree del sud”.

“Il governo – ha aggiunto – è molto attento alle aree del sud e non può che rimarcare la sua attenzione a questa strategia imprenditoriale che i vertici Leonardo hanno concepito per rilanciare un settore dove Leonardo esprime la leadership cioè le aerostrutture. Quando si ragiona di ricerca e sviluppo dobbiamo fare sistema e questo progetto è particolarmente significativo e stimolante”.

“Ringrazio Di Maio – ha proseguito – perché nelle sue mani sono concentrate le redini delle politiche pubbliche a favore dell’alfabetizzazione digitale dei lavoratori, il loro reinserimento professionale e tutti quegli strumenti per una rapida evoluzione della cultura digitale delle imprese. C’è una grande attenzione del governo per questa nuova sfida”.

“E’ chiaro in questa direzione grande importanza hanno tutte le misure adottate dal Mise per il sostegno al venture capital nei prossimi anni e tutte le misire per favorire una maggiore diffusione di tecnologie come il blockchain, l’intelligenza artificiale, internet delle cose, cioò di cui il nostro paese ha bisogno”, ha aggiunto.

A quanto si apprende, Conte e Di Maio, in visita allo stabilimento, hanno ricevuto gli applausi e l’esortazione degli operai nel proseguimento della loro opera di governo. Mentre alcuni lavoratori Slai Cobas, licenziati e cassintegrati Fca, e licenziati Ambiente Spa hanno deciso di manifestare davanti ai cancelli dello stabilimento. Esposti anche alcuni cartelli, uno dei quali recita ‘Di Maio stai sbagliando’.