Diretto, da governo e parlamento un segnale per commercialisti ed esperti contabili

L’appello del numero uno dell’Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili alla presentazione del forum sulle novità fiscale della “manovra economica 2019” e l’impatto della nuova normativa sulla privacy che si terrà a Bari il 29 gennaio dalle ore 9,00 al Nicolaus Hotel

365
Diretto, da governo e parlamento un segnale per commercialisti ed esperti contabili

L’appello del numero uno dell’Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili alla presentazione del forum sulle novità fiscale della “manovra economica 2019”.

BARI – “Abbiamo atteso, abbiamo sperato, abbiamo mediato. Ma ora è il momento di dire basta alle vessazioni ai danni di una intera Categoria e dei contribuenti.

Adesso è giunto il momento che ognuno si prenda le proprie responsabilità e che il Ministero inizi a dare risposte concrete in termini di semplificazione (sempre attesa e mai arrivata), di diminuzione della pressione fiscale e del riconoscimento del credito d’imposta in favore dei commercialisti. Un credito d’imposta che sia non inferiore a tutti gli investimenti necessari per fornire i servizi richiesti/imposti dal Ministero stesso.

È necessario, senza alcun ulteriore differimento, un intervento a favore della nostra categoria, pertanto, a favore di tutti gli studi professionali per adeguare le nostre strutture con ogni genere di investimento necessario: dalla formazione del personale, dei collaboratori e dei clienti agli  investimenti e aggiornamenti costanti di hardware e software.

Attendiamo finalmente un “SI” alle continue istanze di cui continueremo a farci interpreti e promotori instancabili, oltre che chiari e concreti strumenti in favore della categoria che, ricordiamolo, assolve ad una vera e propria funzione sociale irrinunciabile che merita rispetto”.

Lo ha detto Giuseppe Diretto, presidente nazionale dell’Unagraco (Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili) presentando il programma del forum nazionale che si terrà martedì 29 gennaio 2019 a partire dalle ore 9,00 al “Nicolaus Hotel” di Bari (via Cardinale Agostino Ciasca, 27).

Al centro dell’attenzione argomenti cruciali come la privacy in relazione soprattutto all’impatto che la nuova normativa ha avuto sulle aziende e sulla Pubblica Amministrazione e l’analisi e gli effetti della ‘manovra economica 2019’ su contribuenti, professionisti e imprese. Attesi nel capoluogo pugliese, professionisti, commercialisti, docenti ed esperti provenienti da tutto il territorio Nazionale, per un importante momento di approfondimento e condivisione.

Tra gli ospiti interverranno Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, Antonio Decaro, sindaco di Bari, Massimo Miani, presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Luigi Pagliuca, presidente della Cassa di previdenza dei ragionieri, Nicola Altiero, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Bari, Elbano de Nuccio, presidente dell’Odcec Bari, Giovanni Stefanì, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari, Roberto Masciopinto, presidente Ordine Ingegneri di Bari.

Nel corso della giornata si terranno due tavole rotonde: la prima sarà dedicata agli adempimenti e privacy per aziende e P.A e l’attività della GDF in materia di privacy, con l’introduzione di Francesco Avolos (presidente di Unagraco Bari) e la secondacon un focus sull’impatto della ‘manovra economica 2019’ su contribuenti, professionisti e imprese.

Ai dibattiti parteciperanno Gianmauro Dell’Olio (componente della Commissione Bilancio del Senato), Daniela Bataloni (avvocato esperto in privacy), Marcella Caradonna (presidente dell’Odcec di Milano), Giuseppe Diretto (Presidente Nazionale Unagraco), Giovanni Lucatorto (DPO dell’Azienda Ospedaliero Universitaria del Policlinico di Bari), Francesco Maldera (esperto di protezione dei dati personali e dei processi di digitalizzazione DPO), Gaetano Mastropierro (comando Unità Speciali Gdf Roma), Antonio Matarrese (avvocato esperto in privacy e DPO), Ilaria Rizzo (DPO del Comune di Bari) e Luigi Pagliuca.

Chiuderà i lavori Antonio Gigliotti, direttore Fiscal Focus.