Diritti TV, pacchetti a Sky e Perform: salvo 90’ Minuto

0
373

Diritti tv Serie A: la spuntano Sky e Perform, mentre la storica trasmissione della Rai andrà ancora in onda.

Il dado è finalmente tratto: i diritti tv per il prossimo triennio del campionato di Serie A sono stati assegnati a Sky e Perform (società che lavora nei principali mercati internazionali, dal Giappone agli Usa). La giornata di ieri in Lega è stata decisiva, con tre offerte arrivate ai 17 club (senza voto quelli retrocessi e neopromossi): Sky, Perform e Mediaset, che però non hanno raggiunto la cifra totale di 1,1 miliardi di euro fissata per i tre pacchetti. Si è poi passati alla fase dei rilanci, da cui Mediaset si è sfilata.Diritti TV, Mediapro a Lega Serie A: “Fideiussione quando Sky libererà bando” L’annuncio tanto atteso è infine arrivato dal presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè: “E’ stato raggiunto un importo superiore a 973 milioni di euro, circa 20% in più rispetto alle offerte di gennaio. I diritti sono stati assegnati a Sky, che si aggiudica la parte principale delle partite, e a Perform. Siamo inoltre riusciti a ottenere una partecipazione rilevante di circa 100 milioni, che si vanno ad aggiungere in base a risultati variabili di Sky e Perform, in funzione del numero di abbonati e ricavi“.

Diritti tv, sette gare a Sky e tre a Perform

Nello specifico, Sky si è aggiudicata i primi due pacchetti di diritti tv della Serie A 2018-21 per complessive 266 partite annue con una offerta da 780 milioni di euro medi annui per 3 anni mentre Perform ha messo sul piatto 193 milioni annui per l’ultimo pacchetto, quello da 114 match. Prima di eventuali accordi di ritrasmissione quindi, su cui – ha assicurato Miccichè – “sono in corso” trattative, Sky trasmetterà il match clou della domenica sera e il posticipo del lunedì oltre a due partite del sabato (ore 15 e ore 18) e a tre della domenica (alle 15 e 18). Perform ha invece il pacchetto con la partita di mezzogiorno della domenica, una della domenica pomeriggio e l’anticipo del sabato sera.

90’Minuto salvo, Miccichè: “Maggiore elasticità gol in chiaro”

Una buona notizia è infine arrivata sul fronte 90’ Minuto.Diritti TV, pacchetti a Sky e Perform: salvo 90’ Minuto La storica trasmissione della Rai, continuerà infatti ad andare in onda, dopo le voci di una sua possibile cancellazione: “Siamo riusciti -dichiara il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè- ad ottenere maggiore elasticità da parte dei soggetti aggiudicatari per la trasmissioni in chiaro, 90’ Minuto andrà in onda anche quest’anno e certamente per i prossimi tre”. Lo stesso Miccichè ha chiamato il direttore generale della Rai, Mario Orfeo, che ha accolto la notizia con soddisfazione.