Casa Giglio, in via Domenico Fontana il lungimirante ritrovo del noto poeta e autore apre alla città

1734

di Giuseppe GiorgioL’autore senza tempo di una Napoli fatta di sentimenti e passione, Rino Giglio, apre alla città il suo rifugio di via Domenico Fontana e ribattezzandolo come “Casa Giglio”, mette a disposizione dei napoletani amanti dell’arte, della musica e  dello spettacolo, un punto di riferimento ricco di antica e salutare magia. Poeta della canzone napoletana, a partire da quella memorabile “Nu penziero” musicata da Peppe Vessicchio e portata al successo dal compianto Antonio Sorrentino,  i suoi testi sono diventati canzoni famose cantate da personaggi come Mario Abbate, Roberto Murolo Fausto Cigliano, Lina Sastri e Toquiño. Diventato paroliere di “fiducia” per Berlusconi e per la canzoni affidate a Mariano Apicella, Rino Giglio ha sempre tracciato con i suoi versi le linee di una Napoli ricca di amore ed umanità e spesso pregna di consapevole e struggente dolore. E così, con un carnet pieno zeppo di collaborazioni celebri, grazie a “Casa Giglio” il cantore metropolitano di una città ricca di bellezze ed atavici controsensi,  intende mettere a disposizione di artisti, amici ed amanti del teatro e della canzone un luogo di incontro dove assaggiare qualche specialità tipica partenopea e dove parlare di spettacolo e progetti futuri. Pronta ad accogliere eventi, selezioni per nuove leve artistiche, cene spettacolo e momenti canori, partendo dagli antichi motti riportati sulle pareti, “Casa Giglio” in un mondo dove gli ultimi superstiti delle arti sembrano essere sempre più derisi, si annuncia come una roccaforte posta a difesa di quanti dalla vita intendono ancora trarre soprattutto amore e poesia. Tant’è che già per l’inaugurazione tra le pizze fritte dei maestri pizzaioli “Porzio” e tanta pasticceria napoletana, presente  anche Mariano Savarese,  sono stati moltissimi i personaggi del mondo della canzone e del teatro che hanno fatto visita a Rino Giglio per donargli una canzone o una poesia. Tra questi, senza volere dimenticare nessuno, Gigi Savoia, Antonio Buonomo, Guglielmo Capasso, Francesco Malapena, Antoine, Marianna Corrado, Patty Marotta, Toni Iglio, Sandro Tummolillo, Enzo Nicolò, Laura Grey, Romeo Barbaro, Tony Sigillo, Pina Canestrelli,  Stefania Donadio Dei, Bruno Vitale, Pino Silvestri, Peppino Bruno, Antonio De Lisi. Emanuela Giordano, Sergio Carlino, Rodolfo Fiorillo ed il lookmaker Renè Bonante e lo studioso Gennaro Esca. Ecco perchè diventata di colpo una kermesse canora ed approfittando del piccolo ma accogliente palco del luogo deputato all’arte, la serata voluta  dall’autore e speaker radiofonico Giglio ha riservato ai partecipanti le emozioni di una vera e propria rinascita popolare. Una rinascita capace di ridonare alla gente le emozioni del teatro e delle canzoni e di registrare, proprio come   “Casa Giglio”  l’apertura di ritrovi animati dal gusto per il bello, l’estro artistico e l’amore.