mercoledì, Febbraio 1, 2023

Continua il successo di Sasà Palumbo con la commedia “Non sono un gigolò!”

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Sasà Palumbo con la commedia “Non sono un gigolò!” sta riscuotendo ancora un grande successo di pubblico.

Sasà Palumbo e la sua compagnia “Acis il Sipario” continuano a riscuotere un grande successo di pubblico con la commedia “Non sono un gigolò!”. Dopo la tappa di Salerno al Teatro Arbostella nuove date e location.

Il protagonista è proprio lui Sasà Palumbo nei panni di uno chef di nome Michele Gigolo, i personaggi della commedia sono interpretati da attori molto validi tra cui Antonella Romano, Bruno La Peccerella, Ciro Lago, Rosa Cece, Lucia Giugliano, Elisabetta Fulgione, Gianni Palumbo, Salvatore Medici e Franco Tortora.

Lo spettacolo si apre con il protagonista, che dopo aver perso il proprio ristorante per un misterioso sequestro tenta il suicidio riproponendo proprio una triste attualità che vede più d’una volta imprenditori, operai e impiegati soccombere volontariamente dinanzi alla perdita del lavoro. In “Non sono un gigolò!” l’autore con il suo personaggio prova invece ad affermare che bisogna avere la forza di combattere e di non arrendersi mai. Affrontando, tra gli altri, il tema dell’omosessualità e della corruzione, la storia immaginata da Palumbo e proposta con estro e gioviale maestria recitativa, osserva le vicende di un cuoco napoletano che ad un tratto vede cambiare la sua vita per effetto di un’improvvisa visita dell’Asl e della Guardia di Finanza.

Grazie alla persuasione della zia Erminia, che lo ha cresciuto e grazie alle rassicurazioni dell’amico avvocato Antonio, Michele evita il baratro del suicidio trovandosi poi catapultato, anche per effetto del proprio cognome (con l’aggiunta di un accento), in un gioco elettrizzante quanto pericoloso. Un meccanismo ricco di sorprese che lo porta a conoscere clienti non sempre belle e che lo condurrà tuttavia a confrontarsi con un senatore gay che si trasformerà, tra non poche peripezie, nella risoluzione a tutti i suoi problemi.

Tanti applausi per il finale che è tutto da vedere!

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie