AGIMEG, un primo semestre in positivo per le poker rooms

709
Gioco d'azzardo, in Italia è allarme per 700mila minorenni

L’AGIMEG ha pubblicato un interessante report che rispecchia la situazione più che positiva del poker online nell’ultimo semestre 2018.

Il poker rappresenta senza ombra di dubbio uno dei giochi d’azzardo più amati dagli italiani. Ne dà una dimostrazione l’apprezzamento nei confronti delle poker room e i dati diffusi dall’AGIMEG. Secondo i numeri dell’ultimo report, infatti, il primo semestre del 2018 ha registrato una percentuale di crescita in positivo.

È una notizia ottima, considerando che questi primi sei mesi dell’anno vanno a incastrarsi a un trend da tempo in attivo. Il merito è anche delle tante novità previste dalle poker room digitali, insieme al successo dei siti web di settore. In questo articolo approfondiremo quindi sia i dati AGIMEG sia le news riguardanti il mondo del poker online. Inoltre, scopriremo la possibilità di giocare sul web per qualificarsi ai tornei di poker più importanti di quest’anno.

Il poker online va a gonfie vele

L’AGIMEG, come di consueto, ha pubblicato un interessante report che rispecchia la situazione più che positiva in cui versa il poker online nell’ultimo periodo. I dati relativi al primo semestre di questo 2018 dimostrano infatti che il comparto sta attraversando un periodo particolarmente felice, con una variazione percentuale positiva: si parla di un +2,6% guadagnato rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

AGIMEG, un primo semestre in positivo per le poker rooms

Tali numeri sono relativi ai tornei di poker che si svolgono online, il settore più in salute, che dimostra infatti di navigare a vele spiegate. Anche i dati in termini di spesa, in Italia, sono meritevoli di citazione: l’AGIMEG riporta un totale di raccolta pari a circa 70 milioni di euro, un dato che assume ancor più rilievo se paragonato a quello di febbraio 2018. Nei primi due mesi di quest’anno, infatti, il poker online a torneo aveva fatto registrare una raccolta complessiva di circa 7,6 milioni di euro, solo 100mila euro in più rispetto al febbraio del 2017.

Cash game in calo

Il settore del cash game, ossia il poker giocato con denaro reale o con gettoni di pari valore, sta registrando un netto calo: se i tornei online di poker fanno registrare ottimi numeri, infatti, questo comparto sembra non essere partito al meglio quest’anno. I mesi iniziali del 2018 hanno registrato valori che rientrano nella media, con un totale di 5,9 milioni di euro di spesa a febbraio, registrando poi un calo al punto che, nel mese di giugno, i dati AGIMEG riportano una perdita del 5%.

Nonostante ciò, però, questa nicchia ha sfiorato quota 5 milioni di euro di raccolta solo a giugno e una delle cause che hanno maggiore peso nel calo del poker cash è proprio lo straordinario successo dei tornei di poker online.

Poker online a torneo: il successo delle poker room

Gli italiani stanno dimostrando grande interesse nei confronti delle poker room digitali. Di cosa si tratta? Sono siti web che permettono, previa iscrizione, di partecipare a diversi tornei di poker online, e non solo. Il successo di queste piattaforme di gambling ha potuto contare anche sulle diverse novità presentate dagli operatori di settore.

Nello specifico, alcuni siti permettono di giocare online le fasi di qualificazione di alcuni dei tornei più importanti in Europa. Basti pensare al casinò online 888 e al Live Festival a Barcellona a settembre. In sintesi, è possibile partecipare alle fasi eliminatorie su questo portale e vincere un posto al torneo dal vivo che si terrà presso la capitale della Catalogna. È un’opzione che sa sicuramente come stuzzicare gli amanti del poker, dai professionisti fino ad arrivare ai giocatori occasionali.

Online e offline: perché le poker room funzionano

Cosa sono le poker room? SI tratta di particolari siti web progettati appositamente per andare incontro alle esigenze dei giocatori italiani che, ad oggi, sentono il desiderio di approcciare il loro gioco preferito anche tramite Internet.

È un fattore di comfort notevole, in quanto consente di accedere a giochi come il poker direttamente dal pc di casa; alcune piattaforme, poi, sempre più mobile friendly, permettono di giocare anche da smartphone o da tablet. Non deve dunque stupire il crescente apprezzamento da parte degli utenti della Penisola, anche per via della possibilità di integrare l’esperienza online a quella tradizionale dei tornei dal vivo.

Tale strategia multicanale è infatti particolarmente efficace in quanto mira all’affiancamento delle due realtà, comprendendo così una più ampia fetta di pubblico. Considerate le ultime innovazioni tecnologiche che riguardano la rete, come il 5G, e i nuovi dispositivi all’avanguardia che sfruttano la realtà virtuale, la strada appare decisamente tutta in discesa.

Poker online: un mercato per pochi operatori

Il poker online è una nicchia in apparenza molto liquida, perché include al suo interno tantissimi operatori diversi. In realtà, in questo settore la maggior parte delle quote di mercato viene assorbita dai big. Se si torna al report pubblicato da AGIMEG, ci si accorge che il 76% delle quote di mercato viene assorbito dai primi tre operatori in classifica. Solo il restante 24% viene poi spartito, più o meno equamente, dagli altri operatori online di poker a torneo. Molto simile la situazione nel settore dei poker cash games, con una percentuale del 53% appartenente ai primi tre operatori del comparto.

Quest’anno il settore del poker online sta spingendo sull’acceleratore. I dati mostrati oggi testimoniano il grande successo di questo mercato.