Troppe infrazioni e mancato accordo sindacale: chiuso il Bosco di Capodimonte

253
Troppe infrazioni e mancato accordo sindacale: chiuso il Bosco di Capodimonte

Bosco di Capodimonte: a meno di una settimana dalla riapertura, il direttore Bellenger annuncia la chiusura a causa delle troppe infrazioni e del mancato accordo sull’affiancamento della vigilanza ministeriale con quella privata. De Magistris: “Atto gravissimo”.

A meno di una settimana dalla riapertura, in coincidenza con l’avvio vero e proprio della fase 2, ovvero lunedì 18 maggio, il Bosco di Capodimonte, uno dei punti di riferimento per le aree verdi di Napoli, richiude.

Il provvedimento, annunciato dal direttore del Museo, Sylvain Bellenger, è dovuto alle troppe infrazioni alle norme anti Covid 19 e da un mancato accordo sindacale: “Le numerose infrazioni rilevate nei giorni scorsi e l’assenza di accordo con le parti sociali in ordine all’affiancamento della vigilanza ministeriale con personale di vigilanza privata all’interno Bosco, ma solo fuori alle Porte di accesso, hanno costretto la Direzione a richiudere il Real Bosco di Capodimonte.Troppe infrazioni e mancato accordo sindacale: chiuso il Bosco di Capodimonte La vigilanza privata -si legge in una nota- è stata presente nel Real Bosco dal 2017 fino alla chiusura dovuta al Covid-19, con personale dotato di biciclette e auto elettriche e ha effettuato servizio di vigilanza ‘dinamica’ riuscendo così ad assicurare un maggior rispetto del regolamento e una migliore fruizione del Bosco. Attività di sicurezza largamente apprezzata dal pubblico”.

Chiusura Bosco di Capodimonte, de Magistris: “Atto gravissimo, riaprire subito”

Una decisione, quella di chiudere il Bosco di Capodimonte, fortemente criticata dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris: “La chiusura del Bosco di Capodimonte è un atto gravissimo. Un parco di 120 ettari, con spazi enormi, il più grande d’Italia. La mancanza di coraggio sta corrodendo il Paese.Troppe infrazioni e mancato accordo sindacale: chiuso il Bosco di Capodimonte La chiusura del parco -riporta “Il Mattino”- va contro le disposizioni a tutela della salute che auspicano l’aumento degli spazi pubblici in cui le persone si possono muovere. Chiedo al direttore Bellenger di riaprire immediatamente il Bosco di Capodimonte al fine di non procurare un danno alla salute per gli abitanti di Napoli”.