mercoledì, Maggio 22, 2024

Arte, food e dj set per il vernissage della personale di Bruno Francese

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

A Bacoli all’Art Gallery un evento in occasione del vernissage della nuova personale di Bruno Francese.

Arte, musica e buon cibo. Questo, il “cocktail” esplosivo, che ha letteralmente conquistato i tanti ospiti dell’Art Gallery di via Gaetano De Rosa 102 a Bacoli – fiore all’occhiello di Metaside.art -, in occasione del vernissage della nuova personale di Bruno Francese. Una serata speciale, costellata di opere autentiche, frutto di un mix di tecniche e stili, che vedono nella street art e nelle avanguardie contemporanee le principali fonti di ispirazione.

Un’insolita full immersion nel colore caratterizzata da ben due “esperimenti” interattivi: uno dedicato alla violenza di genere, per cercare di sensibilizzare quante più persone possibile sul tema, l’altro, che ha visto l’autore realizzare live un dipinto, tra lo stupore dei presenti.

Il tutto, accompagnato da un esclusivo set firmato dalla dj partenopea Jessica Ferrara e da un delizioso rinfresco a cura del sushi restaurant bacolese “Japaua”.

Un appuntamento unico, ricco di contaminazioni e good vibes, la cui direzione artistica è stata affidata a Gennaro Costagliola, nome già noto per le doti organizzative che lo hanno visto protagonista in diversi eventi sul territorio e al di fuori dei Campi Flegrei.

“Per me esporre è la realizzazione di un sogno – spiega Bruno Francese -. Essere artista vuol dire coltivare una passione al di là del fine ultimo delle proprie opere. È una forma di espressione, per poter esprimere tutto il mondo che mi si è formato dentro attraverso esperienze, relazioni, viaggi e momenti di solitudine”.

Bruno Violante di Meo deve il suo nome d’arte – Bruno Francese – al soprannome datogli da bambino dai coetanei con cui giocava tra le strade di Bacoli, di ritorno nel paese di origine dei genitori. È nato, infatti, nel 1977 a Thionville, nel Grand Est della Francia, dove il papà Salvatore era emigrato per motivi di lavoro.

La personale è visitabile il giovedì dalle 16 alle 20.30; il venerdì e sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20 e la domenica dalle 10 alle 13.30, ma l’attività dello spazio espositivo di via De Rosa, è sempre in fermento. In arrivo, a breve, la mostra di un artista internazionale direttamente da Miami e tanti altri interessanti allestimenti, tutti da visitare. L’Art Gallery bacolese, infatti, è aperta a tutti gli artisti in cerca di una location suggestiva in cui ambientare le proprie opere.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie