23-11-20 | 17:09

Appello del Dr. Giovanni Iannoni: cercasi donatori di sangue

Home Sociale Appello del Dr. Giovanni Iannoni: cercasi donatori di sangue
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

“AAA cercasi donatori di sangue”, accorato appello del dottor Giovanni Iannoni dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, che ospita i bambini affetti da malattie oncoematologiche (guarda il video).

di Antonella Amato – Una voce che si unisce ai numerosi appelli da più parti d’Italia. Il nuovo anno è cominciato all’insegna delle difficoltà: si segnala infatti che le scorte di sangue assicurate dai circa due milioni di donatori italiani si stanno riducendo, con la conseguenza che in molte regioni si sta verificando una pericolosa carenza di questo supporto fondamentale per numerose condizioni mediche.

La situazione viene chiarita da un report dell’Istituto Superiore di Sanità: “negli ospedali in questo momento mancano 2.600 sacche di plasma e almeno nove Regioni sono in situazione critica: Abruzzo, Toscana, Campania, Basilicata, Liguria, Umbria, Marche, Lazio e Puglia”, sottolinea Giancarlo Maria Liumbruno, direttore del Centro nazionale sangue (Cns) presso l’ISS.

Due sarebbero le cause principali del fenomeno che preoccupa chi si occupa di sanità. L’influenza particolarmente aggressiva, che ovviamente ha colpito anche la popolazione dei potenziali donatori, associata alle difficoltà legate al forte freddo, che hanno portato a rendere estremamente difficoltoso il raggiungimento dei centri per la raccolta.

Parlarne, allora, per sensibilizzare tutti, ma soprattutto i potenziali donatori perché, se da un lato il bisogno di questo prezioso elemento segue l’unica regola dell’urgenza, dall’altro la disponibilità alla donazione rappresenta l’unica possibilità di salute e di salvezza per tanti.

E’ possibile donare tutti i giorni presso l’Ospedale Pausillipon di Napoli – Via Posillipo – dalle 8.00 alle 11.00 – per gruppi è preferibile prenotarsi al numero 081/2205469 oppure 3316174332

Una storia di ordinaria solidarietà (Antonio, 53 anni)

La prima volta che ho donato il sangue avevo solo 18 anni. Mio padre aveva subito un grave incidente, con ustioni sul 70% del corpo. Ricordo che avevo paura di poterlo perdere per sempre. Era necessario trovare del sangue subito, non ci pensai neanche un attimo. Quando queste cose toccano le persone care, la pigrizia e la paura dell’ago scompaiono, ma soprattutto in quell’occasione compresi quanto determinante potesse essere il gesto della donazione: avevo salvato una vita semplicemente con un prelievo. Era mio padre ma poteva essere chiunque, il padre di un altro ragazzo, di una bambina. Quella stessa urgenza mi accompagna ancora oggi, che considero la donazione di sangue una vera e propria vocazione. Una vocazione che sono riuscito a trasmettere anche ai miei figli. Non conosco chi riceverà il mio sangue, forse sarà Roberta o Marco o forse Attilio, forse sarà un giovane o forse un anziano, non importa. So che mi unisce a queste persone un legame speciale: sono gruppo 0, sono donatore universale.

Donare mi permette di fare qualcosa di grande con un piccolo gesto…e poi, un giorno potrei averne bisogno anch’io.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Poste Italiane: le date del pagamento delle pensioni di dicembre e della Tredicesima

Pensioni: Poste Italiane ha previsto un pagamento scaglionato anche per le pensioni di dicembre. Ecco le date da sapere. Proseguirà anche per il mese di...

Violenza sulle donne: la Camera di Commercio di Napoli si colora di rosso

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: la Camera di Commercio di Napoli si illuminerà di rosso per una settimana. La Camera di Commercio di...

Dramma a Torre del Greco, uccide la madre con un cacciavite: arrestato un 33enne

Torre del Greco: la Polizia ha arrestato un 33enne con problemi psichiatrici per l’omicidio della madre. Terribile tragedia a Torre del Greco, dove una donna...

Sgominato traffico di droga da Caivano a Caserta: 12 arresti

L'operazione dei carabinieri nelle province di Caserta, Napoli, Latina e Frosinone ha portato alla luce l'attività criminale gestita da un gruppo di giovani legati...

Verso Napoli-Rijeka: terapie per Osimhen e palestra per Ospina

Gattuso subito al lavoro con i suoi in vista di Napoli-Rijeka, match di Europa League con cui gli azzurri vogliono mettere alle spalle la...