lunedì, Luglio 22, 2024

Affido Culturale, il progetto promosso da Con I Bambini prorogato fino ad ottobre 2023

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Il progetto nazionale selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini che promuove esperienze culturali in famiglie in povertà educativa continua per tutta l’estate a Napoli, Roma, Bari e Modena.

Continuano inoltre le azioni di disseminazione e fund raising su tutto il territorio nazionale per l’affiliazione al progetto di nuove città: new entry Venezia e Palermo.

Le famiglie aderenti al progetto Affido Culturale delle 4 città capofilaNapoli, Roma, Bari e Modena avranno tempo fino all’8 ottobre 2023 per completare le uscite culturali già previste dal progetto. La richiesta di avere più tempo, accolta da Con i Bambini, soggetto finanziatore di AC nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, è giunta a gran voce direttamente dalle circa 1000 famiglie coinvolte, desiderose di portare a termine le programmate esperienze culturali formative e divertenti. La proroga è la naturale conseguenza per un progetto iniziato nel 2020, in piena pandemia, con la volontà di contrastare la povertà educativa e favorire la condivisione, in una delle epoche più difficili ed incerte per l’intera umanità. “Le nostre famiglie avranno la possibilità di recuperare il tempo che la pandemia ha sottratto loro, quando i contagi, le quarantene e le chiusure delle attività culturali impedivano la possibilità di portare avanti il progetto con i ritmi che avevamo previsto in fase di progettazione” evidenzia Ivan Esposito responsabile nazionale del progetto.

Dalla sfida iniziale che è stata quella di vincere la diffidenza delle famiglie in povertà educativa costruendo una motivazione lì dove, in particolare, emergevano ostacoli, logistici e di tempo, che andavano a rafforzamento di una condizione vissuta come limite – soprattutto mentale – nell’approccio a questo tipo di esperienza. Oggi, dopo oltre due anni di pratica culturale, la sfida è cambiata: la motivazione è alle stelle perché questo tipo di esperienza viene considerata non solo bella, ma decisamente necessaria, e non si intende rinunciare a nessuna occasione che Affido Culturale aveva già programmato da progetto. I mesi aggiuntivi di attività da maggio a ottobre 2023, complice anche la bella stagione, saranno essenziali per andare a completamento delle fruizioni, ma anche per definire le oggettive formule di prosieguo di AC nei singoli territori.

Ora le famiglie hanno visto il bello e il desiderio di poterlo raggiungere, ne sono certa, non si fermerà difronte alle difficoltà, che permangono extra progetto, sia di tipo logistico che organizzativo” – racconta Nunzia Ruggiero di Con la Mano del Cuore che ha coordinato tra le altre, in particolare le uscite culturali delle famiglie di Scampia, a Napoli – “A loro dico sempre che ormai Affido Culturale ha creato una comunità di persone su cui contare per attivarsi – anche personalmente – nella ricerca e realizzazione di esperienze di fruizione culturale. Pertanto le famiglie del progetto dovranno imparare a sperimentare anche l’autonomia dell’esperienza culturale, mentre azioni di comunità e istituzionali saranno fondamentali per consentire nuovi interventi di Affido Culturale nei tanti nuovi nuclei familiari che desiderano essere travolti dall’esperienza del bello”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie