domenica, Settembre 19, 2021

A Napoli laboratori per contrastare povertà educativa e dispersione scolastica

- Advertisement -

Notizie più lette

A Napoli laboratori per contrastare povertà educativa e dispersione scolastica
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

FA.C.E. (Farsi Comunità Educanti): a Napoli da sabato 6 febbraio laboratori gratuiti per bambini e famiglie per contrastare povertà educativa e dispersione scolastica.

Genitori, nonni e bambini tornano a essere protagonisti dei laboratori del progetto FA.C.E. – Farsi Comunità Educanti per rivivere la bellezza del crescere insieme, progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Dopo l’esperienza a distanza della scorsa primavera, riparte a febbraio il progetto che coinvolge diverse realtà della zona orientale di Napoli con l’obiettivo di contrastare la povertà educativa e la dispersione scolastica e per recuperare i “vuoti” provocati dall’emergenza sanitaria per il coronavirus. FA.C.E. ha come capofila la Fondazione Reggio Children e a Napoli vede in partnership l’istituto comprensivo 70 Marino Santa Rosa di Ponticelli, l’associazione Atelier Remida Campania e l’Assessorato all’istruzione del Comune di Napoli.

Nel pieno rispetto di tutte le disposizioni anti-covid si torna nelle “Face Zone”, location pensate e costruite per accogliere al meglio bambini e famiglie in una serie di attività, totalmente gratuite, che si svolgeranno ogni sabato mattina a partire dal 6 febbraio 2021. Sono sei i laboratori destinati ai bambini da zero a sei anni sempre accompagnati da genitori e/o nonni.FA.C. E.: a Napoli laboratori per contrastare povertà educativa e dispersione scolastica Dalla musica lirica ai giochi con la luce, dalla creatività attraverso la carta alle emozionanti letture, dalla meraviglia della natura alle tecnologie digitali. Le attività danno spazio alla creatività e all’immaginazione delle persone coinvolte con l’obiettivo di stimolare nei giovani e negli adulti competenze trasversali attraverso diversi linguaggi artistico-espressivi e scientifici. Le realtà coinvolte nei laboratori di FA.C.E. Napoli sono le associazioni Ayekantun, Nati per leggere, Aporema e Scienza Semplice. A lavoro anche gli esperti digitali dell’istituto comprensivo di Ponticelli e quelli di Remida Napoli.

Per i prossimi laboratori di FA.C.E. Napoli si utilizzeranno anche spazi all’aperto per assicurare il distanziamento e il pieno rispetto delle norme anti-covid. In particolare, sono tre le “Face Zone” a Ponticelli: il plesso centrale dell’istituto comprensivo Marino Santa Rosa in via Volpicella, il plesso del “Lotto O” in via Bronzi di Riace e la sede di Remida Napoli in via Curzio Malaparte. Le famiglie che hanno difficoltà a raggiungere le location possono richiedere il servizio navetta, totalmente gratuito così come tutte le attività previste dal progetto. Nel corso dei laboratori è prevista una pausa merenda che si svolgerà rispettando i protocolli in materia sanitaria.

Le attività di FA.C.E. Napoli avverranno in due cicli: il primo nei mesi di febbraio e marzo, il secondo tra aprile e maggio 2021. Sono aperte anche a persone non residenti in città purché frequentino con bambini fino a sei anni. Per iscrizioni o informazioni è possibile rivolgersi ai numeri (anche whatsapp) 3348471536 e 3667244780, scrivere all’indirizzo e-mail napoli@progettoface.org oppure iscriversi direttamente attraverso il modulo al link https://bit.ly/face2020na

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie