22-09-20 | 07:38

Pallanuoto, Franco Porzio: “Aiuti dallo stato per le società sportive”

Sport Pallanuoto, Franco Porzio: "Aiuti dallo stato per le società sportive"
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus, Santobono: Morta bambina di 8 anni affetta da leucemia

Ospedale Santobono: I medici sono in attesa di fare il tampone per verificare il sospetto contagio da coronavirus per ora non confermato. I familiari...
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Pallanuoto negli impianti natatori: c’è ancora spazio?” il tema della relazione di Franco Porzio, presidente dell’Acquachiara e consigliere della Regione Campania allo Sport.

A Gubbio quinta edizione del Convegno d’Autunno con numeri record: 180 partecipanti tra gestori di impianti, direttori sportivi di società natatorie e pallanuotistiche, imprenditori legati al mondo dell’acqua clorata. Premiati gli sforzi di “Professione Acqua”, società organizzatrice dell’evento, che ha preso il via stamattina e chiuderà i battenti domani.

Pallanuoto negli impianti natatori: c’è ancora spazio?” il tema della relazione di Franco Porzio, presidente dell’Acquachiara e consigliere della Regione Campania allo Sport. Intervento che ha destato interesse e allarme. “I gestori d’impianti – ha detto Porzio – stanno vivendo una situazione che giorno dopo giorno diventa sempre più insostenibile”.

Nessun contributo, canoni di locazione sempre più alti, costi di gestione che aumentano anno dopo anno, continui interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico dei gestori degli impianti.

Prima o poi, inevitabilmente, tutto questo si ripercuote sull’aspetto agonistico: per sopravvivere bisogna ridimensionare. E’ successo – ha spiegato Porzio – l’anno scorso a noi dell’Acquachiara: dopo aver portato la squadra maschile di pallanuoto ai vertici della massima serie, siamo stati costretti a ridurre drasticamente l’impegno economico ed è arrivata la retrocessione in A2″.

L’Acquachiara non è certo l’unico caso, il ridimensionamento tecnico è ormai comune denominatore per molte squadre. Qualcuna addirittura è sparita, tutte le altre – fatta eccezione per pochissimi casi isolati – ogni anno fanno salti mortali per tirare avanti tra mille difficoltà.

E se ci riescono – ha aggiunto Franco Porzio durante il suo intervento a Gubbio – il merito è anche della volontà dei presidenti di società, che continuano nonostante tutto ad andare avanti, dei dirigenti che prestano la loro opera gratuitamente e soprattutto dei giocatori, i quali continuano a garantire il massimo impegno nonostante il continuo, progressivo taglio dei loro compensi“.

Ma l’aspetto più negativo di questa situazione – ha detto Porzio durante il suo intervento a Gubbio – non è il ridimensionamento a livello di prima squadra e di risultati: il danno più grave riguarda i giovani.

Le società pallanuotistiche, impoverite dai costi di gestione degli impianti, non possono più investire risorse adeguate nei vivai, e ciò si traduce in una produzione sempre più scarsa di talenti. Un fenomeno di cui stanno facendo le spese non solo i campionati, che accusano un progressivo impoverimento del livello tecnico, ma soprattutto la nazionale, costretta a ricorrere al massiccio aiuto di naturalizzati per la carenza di campioni”.

Suona, dunque, sempre più forte un campanello d’allarme: “Se lo stato non interverrà prontamente con un sostegno alle società sportive, aiutandole a sopportare i costi di gestione, la pallanuoto italiana – ha concluso Porzio – è destinata inevitabilmente a recitare nei prossimi anni un ruolo di comprimaria”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Andrea Sannino con “E’ gioia live” all’Arena Flegrea venerdì 25 settembre

Venerdì 25 Settembre 2020 concerto evento, del cantautore napoletano Andrea Sannino che, con i suoi video, ha superato i 60 milioni di visualizzazioni/YouTube. Dopo lo...

Tiki Taka: stasera la prima puntata con Piero Chiambretti alla conduzione

Tiki Taka: Piero Chiambretti debutta alla condizione del programma calcistico di Italia 1 (la cui prima puntata andrà in onda stasera alle 23.40). Ospiti...

Coronavirus in Campania, i dati del 20 settembre: 243 nuovi positivi

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 20 settembre dell'unità di Crisi regionale riporta 243 nuovi positivi su 3.405 tamponi effettuati. Notevole incremento di positivi...

Città della Scienza: riapertura da venerdì 25 settembre

Città della Scienza: venerdì 25 settembre ripartono le attività dopo il lockdown e la pausa estiva. Il museo di Città della Scienza riapre le porte...

Meteo Napoli, addio estate: piogge in arrivo da martedì

La prima settimana d'autunno si apre subito con l'arrivo di piogge e temporali anche nel capoluogo campano. Settimana di nubi e piogge la prima dell'autunno...