25-10-20 | 12:48

Nuova batosta per i piccoli e medi teatri esclusi dagli aiuti della Camera di Commercio

Home Cronaca di Napoli Nuova batosta per i piccoli e medi teatri esclusi dagli aiuti della...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
61bdb9b38b8c55a173cb8e998b472383?s=120&d=mm&r=g
Giuseppe Giorgio
Caporedattore, giornalista professionista, cura la pagina degli spettacoli e di enogastronomia

Esclusi dai benefici i teatri locali con una capienza di posti a sedere inferiore a 350. A rischio il Sancarluccio, la Galleria Toledo e tanti altri teatri.

Fa molto discutere la decisione della Camera di Commercio di Napoli, che per il bando a sportello relativo alla concessione di sovvenzioni post Covid-19, ha pensato di discriminare i teatri sotto i 350 posti. 

Una distinzione che in città ha subito suscitato la reazione dei rappresentanti dei teatri medi e piccoli, già penalizzati dal poco soddisfacente appoggio ricevuto dalle precedenti sovvenzioni. Una scelta quella della Camera di Commercio, che escludendo dai benefici i teatri locali con una capienza di posti a sedere inferiore a 350, elimina di fatto la possibilità di aiuto a spazi importanti come il Sancarluccio, la Galleria Toledo, il Teatro Nuovo e tanti altri teatri, che rischiano di aggiungersi alla lunga lista di aziende a rischio chiusura.

E tra gli operatori del mondo teatrale napoletano in sommossa, a schierarsi contro quella che da più parti è stata definita come una nuova ingiustizia, è stato Bruno Tabacchini, il noto esponente teatrale legato alla sua società “Suoni e Scene” e tanti spettacoli di successo, direttore artistico del Festival dello Spettacolo di Sorrento, responsabile dell’esercizio teatrale 2014/ 2017 presso il teatro Delle Palme, nonché nel 2013 artefice del salvataggio del Teatro “Sancarluccio” poi affidato alla conduzione e alla direzione artistica della figlia Giuliana. “Ho letto il bando della Camera di Commercio di Napoli per il sostegno ai teatri e alla cultura – ha dichiarato Tabacchini- e francamente trovo incomprensibile il fatto che vengano esclusi quei teatri che, pur possedendo tutti i requisiti richiesti per l’esercizio dell’attività ex legge R.C. n.6 del 2007 e seguenti, non raggiungono i 350 posti di capienza. L’argomento riguarda molte sale, anche se parlo a nome del teatro Sancarluccio che possiede licenza di esercizio per pubblici spettacoli, quale teatro; è iscritto nel registro degli operatori dello spettacolo della Regione Campania; è impresa iscritta alla Camera di Commercio; paga le tasse; ha spese fisse di gestione (fitto utenze etc.); produce attività di alto profilo culturale che coinvolgono centinaia di artisti e lavoratori dello spettacolo per ogni stagione teatrale, ma non raggiunge i cento posti. Tante qualità quelle del Sancarluccio oggi in discrimine. I 50 anni di esistenza del Sancarluccio, la sua resistenza, la sua stessa sopravvivenza sono in pericolo con provvedimenti come quello messo in campo dalla Camera di Commercio. Dicono che dietro questa scelta ci sia una ratio, dicono: il distanziamento. Non ci arrivano proprio all’idea che si possa prolungare il tempo di attività nelle piccole sale e fare più recite in un giorno. Ci escludono, senza se e senza ma. Questa logica porterà gravi conseguenze. Credo debbano mobilitarsi tutti gli esclusi e quanti hanno a cuore le sorti del teatro insieme agli artisti e ai lavoratori dello spettacolo in generale. Si profilano giorni duri; ma non bisogna dare tregua a chi amministra il denaro pubblico”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Pensioni anticipate a novembre: il calendario dell’INPS

Anche a novembre pensioni anticipate per garantire a tutti di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento...

Meteo Campania, ciclone islandese in arrivo con freddo e temporali

Meteo Campania: all'inizio della prossima settimana, un ciclone freddo in discesa direttamente dal Nord Europa, colpirà l'Italia da nord a sud. Era stato anticipato nei...

De Luca: “No lockdown. Per scuole didattica a distanza al 100%”

De Luca: "Approvazione di una misura immediata che consenta la stipula di contratti con le strutture private accreditate per l'incremento di posti letto". "Il 60...

Federica Pellegrini smentisce la notizia di un suo ritiro

Federica Pellegrini, positiva al Covid, nelle sue dichiarazioni aveva espresso tutta la sua amarezza in vista delle prossime Olimpiadi di Tokio. “Se non ci sono...

Gevi Napoli Basket, positivi al Covid tre giocatori della prima squadra

La GeVi Napoli Basket ha informato della situazione la Lega Pallacanestro in vista dei prossimi e ravvicinati impegni ufficiali della squadra nella Supercoppa Centenario...