30-11-20 | 14:33

Vomero, arriva il “panaro solidale” dei libri: “Chi non può prenda”

Home Cultura Vomero, arriva il “panaro solidale” dei libri: “Chi non può prenda”
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Napoli: arriva dal Vomero la bellissima iniziativa solidale voluta dal libraio Enzo Di Nocera.

In pieno lockdown, nel Centro storico di Napoli comparve il panaro solidale, una delle immagini simbolo del grande cuore dei napoletani in quel momento difficoltà. In via Santa Chiara, da un palazzo venivano calati due “panari” con la scritta Chi può metta, chi non può prenda, celeberrima citazione di San Giuseppe Moscati. Un’iniziativa simile è stata fatta in questi giorni al Vomero, con protagonista stavolta non il cibo ma i libri, a loro modo altro alimento vitale per il genere umano.

Questa bella idea è venuta al libraio Enzo Di Nocera, gestore di una storica bancarella-libreria situata in via Luca Giordano, il quale ha deciso di regalare libri a chi non può permetterseli.

Davanti alla sua bancarella-libreria, ha posizionato un panaro pieno di libri con la scritta Chi non può prenda: “Ne regaliamo circa venticinque al giorno– dichiara a “Repubblica” Di Nocera, 52 anni, libraio da 44- Conosco bene chi vive di lettura, chi campa con pane e libri. E poterli aiutare in un momento difficile mi rende felice. C’è chi ci marcia, chi non ne avrebbe bisogno ma si porta via dei libri senza pagarli – spiega il commerciante – Spero però che almeno li facciano circolare e che prima o poi arrivino nelle case di chi non ha i soldi per acquistarli“.

Nel cesto c’è un po’ di tutto: romanzi rosa, gialli, volumi dalle giacenze ma anche libri “attuali” o ancora in circolazione che Di Nocera seleziona accuratamente. Con la speranza di poter diffondere cultura anche dove non vi sono i mezzi per usufruirne.

Foto: “Repubblica”

- Advertisement -

Ultime Notizie

Serie A2 Girone Rosso: GeVi Napoli Basket-Benacquista Latina 90-58

GeVi Napoli Basket: i partenopei battono per 90-58 la Benacquista Latina: Coach Sacripanti: “Molto contento del lavoro fatto, Proviamo a creare la "cantera" napoletana”. Seconda...

Circumvesuviana, soppresse 13 corse: la protesta dei pendolari

L'Eav ha scatenato la protesta degli utenti per la cancellazione di ben tredici corse, proprio nel giorno del ripristino integrale del servizio nella fascia...

Boscoreale, paura nella notte: 3 colpi di pistola contro un’abitazione

Sono stati trovati in totale sei bossoli in via Settetermini a Boscoreale, dove sono intervenuti i carabinieri dopo l'esplosione di alcuni colpi d'arma da...

Renato Zero: ecco l’ultimo cd della trilogia “Zerosettanta”

Renato Zero: ecco Volumeuno (l’ultimo dei tre cd che uno dei re della musica italiana ha realizzato in occasione dei suoi 70 anni). Il...

Calcio Napoli, il richiamo di Gattuso: “Serve buonsenso, troppi senza mascherina”

Il tecnico del Calcio Napoli sui tanti assembramenti in città per onorare la memoria di Maradona: "Dobbiamo fare i bravi, altrimenti ne pagheremo le...