giovedì, Maggio 19, 2022

Vaccino anti Covid 19: il punto su categorie e fasce d’età

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Vaccino anti Covid 19: la campagna di vaccinazione è ripartita a pieno regime. Il punto su categorie e fasce di età.

Dopo la sospensione “in via del tutto precauzionale e temporanea” e la ripartenza del vaccino anti Covid 19 di AstraZeneca, la campagna di vaccinazione è ripresa a pieno regime in tutta Italia.

È ovvio che il vaccino rappresenterà la principale via di uscita da questo maledetto virus, da estirpare il prima possibile: la speranza di tutti è che entro il 2021 si possa davvero vedere la luce in fondo a questo triste tunnel.

Il Governo Draghi e il Generale Francesco Figliuolo, nuovo commissario all’emergenza Covid 19, convergono su un punto: bisogna vaccinare più persone possibili (con l’auspicio di somministrare 500mila dosi di vaccino al giorno). Ma la domanda che in molti si stanno facendo è la seguente: quando arriverà il mio turno?

Come noto, la priorità è stata data al personale sanitario, ultra 80enni e residenti nelle Rsa, personale scolastico, forze dell’ordine e armate e, naturalmente, pazienti fragili (in Campania prenotazioni gestiti dai medici di base) e disabili (adesione diretta in Campania).

In Campania sono recentemente partite anche le prenotazioni per gli over 70 e i volontari della Protezione civile impegnati con grandissima dedizione presso i centri vaccinali.

Come riporta “Il Mattino”, per quanto riguarda gli over 70, in molti si potranno vaccinare fra aprile e maggio. Successivamente si potrà far spazio agli over 60.

Vaccinazione anti Covid 19: il vaccino Johnson&Johnson per il “cambio di passo”

Oltre a Pfizer, Moderna ed AstraZeneca, per vaccinare l’80% degli italiani entro settembre sarà essenziale la disponibilità del quarto vaccino, lo Janssen di Johnson&Johnson, che dovrebbe essere disponibile da fine aprile-inizio maggio (e dunque a disposizione degli ultra 60enni).

L’Italia ne ha prenotate 22 milioni di dosi fra aprile e settembre e poiché il vaccino è monodose, lo Janssen è destinato a svolgere un ruolo strategico per il “cambio di passo” da tutti auspicato in attesa del vaccino prodotto in Italia.

Entro giugno l’Italia dovrebbe ricevere oltre 60 milioni di dosi vaccinali, alle quali si aggiungeranno oltre 80 milioni di fiale fra luglio e settembre: sarà quest’ultimo il mese della verità sull’uscita dalla pandemia.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie